Serie di attentati nel giorno delle elezioni parlamentari in Afghanistan. Sono ben 192 gli attacchi, secondo quanto riferito dal ministro degli Interni, Wais Barmak. I talebani hanno preso di mira i seggi con colpi di mortaio a Nangarhar, Kudduz, Ghor, Kunar e altre provincie. Un attacco suicida invece ha provocato almeno 15 vittime nella capitale Kabul. Complessivamente le autorità riferiscono di circa 50 morti e oltre centro feriti. Il governo ha dispiegato fin dalle prime ore della mattina 54mila unità delle forze afghane, tra soldati e poliziotti.

L’ong Emergency riferisce invece di esplosioni e attentati ai seggi che hanno causato decine di feriti in tutta la capitale. Funzionari della provincia orientale di Nangarhar hanno affermato che nelle violenze sono state uccise almeno 20 persone. Nella provincia settentrionale di Kunduz, in seguito all’attacco dei talebani, sono stati uccise almeno cinque persone. Sono state segnalate violenze infine a Badakhshan, Balkh e in altre province, ma non sono stati riportati dettagli confermati su eventuali vittime.

Gli afghani sono chiamati alle urne per il rinnovo della camera bassa del Parlamento di Kabul, dove siedono 250 deputati con mandato quinquennale. Gli elettori sono poco di più 8,8 milioni (oltre 3 milioni sono donne), secondo i dati della Commissione elettorale indipendente: dovranno scegliere tra oltre 2.500 candidati. I seggi sono più di 5mila sparsi in 33 delle 34 province (a Ghazni e a Kandahar il voto è stato rinviato di una settimana per precedenti attentati). I risultati provvisori dovrebbero essere annunciati a metà novembre, per quelli definitivi bisognerà attendere un altro mese.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Barcellona, maxi-condono per la Sagrada Familia: 36 milioni per metterla in regola

prev
Articolo Successivo

Nick Clegg alla corte di Zuckerberg. L’ho visto da vicino e mi ha colpito la sua faccia per bene

next