Che cosa resta della Calabria senza Riace? Cosa di positivo di quella regione in questi anni si è conosciuto nel mondo se non il modello di accoglienza proposto dal sindaco di quel comune? E perché, quali sono i motivi che hanno portato a questo giudizio unanime? Tutti tifosi per partito preso?

Diamo credito, come è nostro dovere, all’inchiesta della magistratura. E senza attendere il giudizio definitivo riteniamo pure che il sindaco abbia ecceduto nell’esercizio dei suoi poteri: anche se lo scopo è umanitario la legge dev’essere rispettata. Bene. Ma erano necessarie le manette? L’indagato non si è certo difeso negando, sottraendo prove o camuffandole, non ha certo manifestato la volontà di scappare, non si è mai reso irreperibile. Ha dichiarato di aver obbedito al senso di umanità ritenendolo superiore ai codici. Ha sbagliato? Pagherà. Ma perché le manette? E perché ora il divieto di dimora a Riace?

E’ davvero una misura di giustizia, urgente e indifferibile? Qui non c’entra il merito dell’accusa, ma la valenza simbolica di questa decisione. Obbligare Mimmo Lucano a lasciare Riace ha il sapore dell’estirpazione di una pianta cattiva, il senso che quel modello dev’essere raso al suolo. Già il ministero dell’Interni aveva provveduto a farlo, revocando a Riace l’autorizzazione ad accogliere ed assistere migranti. La giustizia sembra purtroppo completare l’opera politica. E lo fa in una terra che non trova mai giustizia, con una severità che è sconosciuta nei mille casi di malaffare che in quel territorio si manifestano e si sviluppano, e con un puntiglio che lascia stupefatti.

Se il modello di integrazione proposto dal comune di Riace, e applaudito nel mondo, non solo è fuorilegge ma agevola comportamenti criminali, abbiamo la legittima curiosità di conoscere quello alternativo. Cosa si propone? Dov’è?  Ne esiste uno? O per caso, come sembra, l’idea è semplicemente quella di trasformare i migranti in carcerati, i clandestini in delinquenti, le donne in prostitute? E poi?

Perché non volgiamo lo sguardo a quel che resta dei nostri paesi di montagna, che muoiono perché i vivi scappano?

E se non vogliamo che li abitino anche i “neri”, perché poi chiediamo le loro braccia ogni volta che servono? A raccogliere pomodori e fragole, insalata e angurie. A spalare letame nelle porcilaie, a respirare l’aria tossica delle concerie, a far da badanti ai nostri genitori, o da colf nelle nostre case?

Dove dovrebbero abitare, secondo il ministro dell’Interno? Nelle stalle, come i sikh a Sabaudia, vero? Nelle capanne di lamiera della Capitanata, nei tuguri di Mondragone? Ci sono giudici a Sabaudia? Perché non viene mostrata la forza della legge in provincia di Foggia, in quella di Caserta e negli altri territori dove è rispettato il sopruso e non il diritto?

La verità è amara purtroppo. Questo solo è il modello che conosciamo. E’ così che vogliamo continuare, perciò spaventa tanto Riace: non sia mai trattare gli uomini, quegli altri, da umani.

Accatastati come bestie, magari sì.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il menù di Giorgia Meloni – L’Istantanea

next
Articolo Successivo

Se la schiavitù della iperconnessione travolge (dopo Calenda) anche Cottarelli

next