La “dama nera” Antonella Accroglianò, ex responsabile del coordinamento tecnico amministrativo di Anas, coinvolta nella maxinchiesta della Procura di Roma che nel 2015 portò alla luce un sistema corruttivo all’interno dell’ente, è pronta a patteggiare, dopo avere ottenuto l’ok dei pm, una pena a 4 anni e 4 mesi. La procura di Roma aveva chiesto il rinvio a giudizio degli indagati il 1 agosto 2017 dopo gli arresti del 16 marzo 2016 quando la Guardia di finanza eseguì 19 misure.

La Accroglianò, che in questi anni ha collaborato con gli inquirenti fornendo elementi utili alle indagini, restituirà 470mila euro oltre ad altri 180mila già restituiti all’Anas che oggi, nel corso dell’udienza davanti al gup Ezio Damizia, ha annunciato la revoca della costituzione di parte civile nei confronti dell’ex funzionaria. La formalizzazione dell’accordo sarà sancito nella prossima udienza fissata al 13 novembre.

Oltre all’Accroglianò, che era stata raggiunta da due provvedimenti di custodia cautelare in carcere, hanno proposto patteggiamento anche altri sei imputati, tra cui gli ex dirigenti Anas Antonino Ferrante, Giovanni Parlato e Oreste De Grossi. Ad optare, invece, per il rito ordinario altri trenta imputati tra cui Roberto Accroglianò, fratello dell’ex dirigente. L’ex sottosegretario alle Infrastrutture, Giuseppe Meduri ha optato per il rito abbreviato.  Nel procedimento si ipotizzano, a seconda delle posizioni, i reati di associazione per delinquere, corruzione, turbativa d’asta, voto di scambio, truffa e abuso d’ufficio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Aemilia, 30 anni al boss Sarcone. Maxi inchiesta su false fatture con 72 indagati: anche giornalisti e imprenditori

next
Articolo Successivo

Massimo Bossetti, cosa direi ai giudici se fossi il suo avvocato

next