di Giulio Scarantino

L’arte libera e fuori dalle regole, è il filo conduttore della vita di Banksy. Una devozione meticolosa e solenne vocazione, al punto da privare l’arte perfino delle strette cinghie della titolarità. In altri termini, dell’attribuibilità a qualcuno. Ieri, di chi la crea. Oggi, di chi l’acquista.

L’elusivo artista, infatti, oltre a essere tra i maggiori esponenti della street art, è riconosciuto in tutto il mondo anche per la sua capacità di celare la propria identità. Per chi si fosse rassegnato nel cercarla, ecco che l’artista compie una nuova provocazione. All’asta di Sotheby’s, a Londra, tra lo stupore generale, l’opera di Banksy Girl with Baloon dopo essere stata venduta si è autodistrutta.

Girl With Baloon, ingabbiata nei limiti finiti di una cornice, prende vita: fugge e si redime dalla reificazione del pensiero artistico. Nessuna proprietà intellettuale è il messaggio della sua mancata identità, nessuna proprietà materiale è il messaggio di oggi. Quasi, come la riproduzione muta di quella frase: “La poesia non è di chi la scrive ma di chi se ne serve” (Massimo Troisi ne Il postino) forse il messaggio di Banksy è l’ennesima devozione per l’arte priva di regole. L’arte libera.

Torna prepotentemente la sua indole, con l’invito alla street art: lì dove non vigono limiti, solo le larghe vedute della strada, tra i muri dove respirano le sue opere, che si offrono ai passanti senza pretese. Ove l’opera è condivisa e non posseduta dalle grinfie di un proprietario. Solo quella per Banksy è arte: un pensiero inafferrabile, come il palloncino di Girl With Baloon, come l’opera che prende vita per fuggire, come la sua identità sconosciuta.

Il blog Utente Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

James Cook scoprì l’Australia grazie a un ‘gatto’

next
Articolo Successivo

Cultura 2030, a Montecitorio due giorni di presentazione dello studio sul sapere nel prossimo decennio

next