Avira ha da poco aggiornato il suo Avira Internet Security Suite alla versione 2019. Il nuovo prodotto offre un’ottima ergonomia, semplicità d’uso e accesso a molti strumenti aggiuntivi. È anche un valido antivirus, prevedibilmente, tra i migliori secondo tutti i test indipendenti.

Avira Internet Security 2019 si acquista e si scarica direttamente dal sito ufficiale, dopo aver scelto quale tipo di licenza è la più adatta. L’installazione è immediata: basta fare un doppio click sul file scaricato e poi seguire le istruzioni. Alla fine il programma scaricherà subito l’aggiornamento del database degli antivirus, e chiederà un riavvio del PC per completare l’installazione.

Oltre l’antivirus, manutenzione del PC

Dentro a questo prodotto non c’è però solo l’antivirus anche perché, per dirla con le parole del loro rappresentante Vikas Seth, “l’antivirus da solo non basta“. Per la massima sicurezza sono necessari diversi altri strumenti: alcuni utenti esperti se li procurano e li usano senza problemi, ma per tutti gli altri una suite come Avira Internet Security 2019 ha il vantaggio di raccogliere tutto in un posto solo.

Ecco che oltre all’antivirus troviamo Software Updater, che controlla tutti i programmi sul computer e si assicura che siano installati gli aggiornamenti più recenti – molto importante tanto per la sicurezza informatica quanto per la stabilità del computer stesso. Anche System Speedup serve per la manutenzione del PC: qui è presente solo una versione ridotta ma comunque utile. Chi lo trova interessante potrà eventualmente decidere di comprare quella completa.

Navigare in sicurezza

Password Manager Pro si installa come un’estensione del browser, vale a dire in un certo senso come un programma nel programma. Ha anche una controparte per smartphone, e serve per memorizzare tutte le password e i dati di accesso. Dovrete ricordarne così solamente una, e potrete usarne molte diverse – idealmente una diversa per ogni account – senza timore di dimenticarvela. Nel browser (Google Chrome, Firefox, Microsoft Edge) si installa anche Browser Safety, strumento che blocca le pubblicità online e i sistemi di tracciamento, garantendo una navigazione più veloce e più sicura, con più privacy.

Safe Shopping e Safe Search sono invece strumenti per fare ricerche online, generiche o solo di prodotti da acquistare. La differenza rispetto a Google è che in questo caso le pagine che troverete saranno solo pagine sicure controllate da Avira. In questo modo si riduce il rischio di incappare in qualche falso negoziante o in pagine che poi infettano il PC con un virus.

Phantom VPN si usa in quei momenti in cui è opportuno avere uno “strato di sicurezza aggiuntivo”. Attivando questo strumento ci si collega prima a un server sicuro e poi a Internet. In questo modo si limitano i possibili attacchi informatici, il che è molto interessante per azioni delicate come l’Internet Banking. È utile anche per vedere contenuti che sono bloccati in un certo paese – ad esempio per vedere i programmi RAI quando si è all’estero.

Proteggersi anche in casa

Se Internet è il maggior veicolo di esposizione a minacce informatiche, non è l’unico. Anche a casa propria o in ufficio ci può essere qualche rischio. Avira Internet Security Suite 2019 risponde a questa esigenza con Home Guard, uno strumento piuttosto sofisticato per controllare la rete a cui si è connessi ed esaminare tutti i dispositivi collegati – eventualmente aiuta a rilevare ed eliminare un intruso, se opportuno. Un gesto a tutela della privacy dunque, così come l’utilizzo di Privacy Pal: serve per eliminare definitivamente certi file, con la certezza che non sarà possibile recuperarli. E anche per regolare con precisione le impostazioni di Windows assicurandosi che nessuna informazione sensibile raggiunga i server di Microsoft.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Attacco a Facebook, come attivare l’autenticazione a due fattori per proteggersi meglio

prev
Articolo Successivo

Pendolari state sereni, con Google Maps avrete il pieno controllo di strade e mezzi pubblici

next