Pugnalate allo stomaco, a un orecchio, alle labbra e al mento. Così sono state ferite tre bambine rispettivamente di tre giorni, venti giorni e un mese di vita, in un asilo nido del Queens, a New York. Sospettata dell’aggressione è una dipendete della struttura, di 52 anni, che ha colpito con un coltello anche il padre di un bambino dell’asilo e una collega. La donna è stata ritrovata priva di sensi dalla polizia, con un polso tagliato, ferita presumibilmente autoinflitta. Tutte e tre le bambine sono in condizioni gravi , ma stabili. A riportare la notizia è l’Nbc. 

Al momento dell’aggressione nel centro si trovavano nove bambini e diversi genitori. Sul posto, la polizia ha rinvenuto una mannaia e un coltello da macellaio. Da quanto si apprende dall’emittente statunitense, l’uomo è stato colpito a una gamba e si trova in condizioni gravi. La collega, invece, è stata pugnalata otto volte al torace. Al momento si ignorano le ragioni del gesto: la donna sospettata è stata ricoverata e si trova sotto custodia. La polizia – da quanto riporta l’Nbc – sta indagando anche sulla natura della struttura: non risulta chiara, infatti, la presenza di così tanti neonati e i funzionari stanno passando al vaglio la documentazione dell’asilo.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Venezuela, è fuga dalle scuole a causa di fame ed emigrazione. Nel 2017, calo del 40% di studenti negli istituti privati

next
Articolo Successivo

Iran, spari sulla parata militare: 29 morti e 53 feriti. Il gruppo Al-Ahwaz rivendica. Il governo: “Pagati da sauditi e Usa”

next