Pugnalate allo stomaco, a un orecchio, alle labbra e al mento. Così sono state ferite tre bambine rispettivamente di tre giorni, venti giorni e un mese di vita, in un asilo nido del Queens, a New York. Sospettata dell’aggressione è una dipendete della struttura, di 52 anni, che ha colpito con un coltello anche il padre di un bambino dell’asilo e una collega. La donna è stata ritrovata priva di sensi dalla polizia, con un polso tagliato, ferita presumibilmente autoinflitta. Tutte e tre le bambine sono in condizioni gravi , ma stabili. A riportare la notizia è l’Nbc. 

Al momento dell’aggressione nel centro si trovavano nove bambini e diversi genitori. Sul posto, la polizia ha rinvenuto una mannaia e un coltello da macellaio. Da quanto si apprende dall’emittente statunitense, l’uomo è stato colpito a una gamba e si trova in condizioni gravi. La collega, invece, è stata pugnalata otto volte al torace. Al momento si ignorano le ragioni del gesto: la donna sospettata è stata ricoverata e si trova sotto custodia. La polizia – da quanto riporta l’Nbc – sta indagando anche sulla natura della struttura: non risulta chiara, infatti, la presenza di così tanti neonati e i funzionari stanno passando al vaglio la documentazione dell’asilo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Venezuela, è fuga dalle scuole a causa di fame ed emigrazione. Nel 2017, calo del 40% di studenti negli istituti privati

next
Articolo Successivo

Iran, spari sulla parata militare: 29 morti e 53 feriti. Il gruppo Al-Ahwaz rivendica. Il governo: “Pagati da sauditi e Usa”

next