Si chiama Mate X, ed è una bicicletta pieghevole a pedalata assistita. Fin qui, nulla di particolare. Se non che, rispetto ad altri modelli sul mercato, questo ha un prezzo veramente interessante: si parte da sotto i 700 euro, per salire fino a 859 a seconda della versione scelta. Già, perché la Mate X ne ha tre: la prima (Mate 250) ha un motore elettrico da 250 Watt con autonomia di 55 km e velocità massima di 25 km/h, la seconda (Mate 250+) mantiene lo stesso motore e prestazioni ma con batteria più capiente, dunque i chilometri percorribili diventano 80. La terza, la Mate 750, è la più potente: motore da 750 Watt, autonomia di 80 km e velocità che arriva a sfiorare i 50 orari. Rispetto alle due versioni meno performanti, tuttavia, la terza necessita di omologazione. Quanto alle altre caratteristische tecniche, la bici (da aperta) è lunga 180 cm e larga 65, mentre l’altezza è di 124 cm, ma puù essere ripiegata e diventare molto compatta, in modo da poter essere trasportata facilmente. Ha un display Lcd da dove regolare l’intensità della pedalata assistita (6 livelli) e controllare la carica rimanente. E c’è pure una presa Usb per ricaricare device vari. Gli ideatori danesi, infine, sono riusciti ad ottenere finanziamenti ingenti portando la Mate X su sito di crowdfounding Indiegogo, grazie soprattutto al prezzo, come detto molto invitante.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Islanda, ecco i semafori a cuore di Akureyri. Per tornare a sorridere

prev
Articolo Successivo

Peugeot e-Legend, il prototipo old-style a emissioni zero – FOTO

next