Si chiama Mate X, ed è una bicicletta pieghevole a pedalata assistita. Fin qui, nulla di particolare. Se non che, rispetto ad altri modelli sul mercato, questo ha un prezzo veramente interessante: si parte da sotto i 700 euro, per salire fino a 859 a seconda della versione scelta. Già, perché la Mate X ne ha tre: la prima (Mate 250) ha un motore elettrico da 250 Watt con autonomia di 55 km e velocità massima di 25 km/h, la seconda (Mate 250+) mantiene lo stesso motore e prestazioni ma con batteria più capiente, dunque i chilometri percorribili diventano 80. La terza, la Mate 750, è la più potente: motore da 750 Watt, autonomia di 80 km e velocità che arriva a sfiorare i 50 orari. Rispetto alle due versioni meno performanti, tuttavia, la terza necessita di omologazione. Quanto alle altre caratteristische tecniche, la bici (da aperta) è lunga 180 cm e larga 65, mentre l’altezza è di 124 cm, ma puù essere ripiegata e diventare molto compatta, in modo da poter essere trasportata facilmente. Ha un display Lcd da dove regolare l’intensità della pedalata assistita (6 livelli) e controllare la carica rimanente. E c’è pure una presa Usb per ricaricare device vari. Gli ideatori danesi, infine, sono riusciti ad ottenere finanziamenti ingenti portando la Mate X su sito di crowdfounding Indiegogo, grazie soprattutto al prezzo, come detto molto invitante.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Islanda, ecco i semafori a cuore di Akureyri. Per tornare a sorridere

next
Articolo Successivo

Peugeot e-Legend, il prototipo old-style a emissioni zero – FOTO

next