Per un post su Instagram incassa non meno di 6 mila euro. Non stiamo parlando di Chiara Ferragni, Mariano Di Vaio e nemmeno di Chiara Nasti ma di Giulia De Lellis. Il “ma chi?” è in agguato ma la ragazza di Ostia, classe 1996, è diventata nota grazie a Uomini e Donne dove come corteggiatrice è stata scelta dal tronista Andrea Damante. La popolarità ha portato entrambi nella casa del Grande Fratello Vip in due diverse edizioni, la partecipazione della bella Giulia sarà ricordata per una serie di scivoloni di diversa natura: dagli omosessuali alla grammatica. La relazione con Damante è terminata campeggiando sui giornali rosa per settimane. Ora la De Lellis è diventata una influencer con più di tre milioni di follower su Instagram e il settimanale Oggi le ha fatto i conti i tasca svelando le cifre incassate dalla “webstar” grazie alla vendita di post sponsorizzati. Il tutto gestito dall’agente Francesco Facchinetti che già nella sua scuderia annovera altri nomi di peso sul web: da Frank Matano a Selvaggia Lucarelli.

Giulia sponsorizza trucchi, vestiti, biancheria intima e chi più ne ha più ne metta. Una cifra sicuramente di peso, i 6 mila euro a post appunto, ma le aziende sempre più spesso si affidano alle cosiddette fashion blogger che somgliano a delle piccole Mastrota 2.0. Per provare a fare un esempio, ogni post su Instagram pubblicato dalla Blondesalad di Chiara Ferragni arriva a valere tra i 50 e i 60 mila dollari. La De Lellis è poi seguita dai giovanissimi, una pagina fan chiamata “Le bimbe di Giulia” supera i 100 mila follower. Il giro d’affari è notevole anche se il personaggio non è di primo piano: qui a contare sono i 3 milioni di follower. La ragazza appare sempre meno in tv dove le cifre per opinionisti a gettone non raggiungono certo i soldi incassati per un semplice post.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Maurizio Sarri, il “sarrismo” entra nell’enciclopedia Treccani: la sua filosofia di gioco ora è un neologismo

prev
Articolo Successivo

IgNobel 2018, ecco i vincitori: dalle montagne russe contro i calcoli renali al metodo del francobollo, fino all’auto-colonscopia

next