Guido Ceronetti sfuggiva ad una definizione unica. Tant’è vero che ora che non è più tra noi gli articolisti parlano di poeta, drammaturgo, scrittore, giornalista, regista, filosofo, latinista, biblista. Questo è il risultato di essere stato un uomo di grande cultura e di grande curiosità. Ma soprattutto, per quanto mi riguarda, lui fu un uomo e un uomo di grande sensibilità.

Dico “per quanto mi riguarda” perché Ceronetti è stato uno dei pochissimi intellettuali italiani capaci di vedere la vera natura di noi umani e la vera natura dello sviluppo, che non è progresso. Era quindi anche (consentitemelo) un ambientalista, non già nel senso che si impegnasse per la tutela dell’ambiente, ma perché denunciava instancabilmente le afflizioni portate dall’uomo alla natura.

In questo senso per me è stato addirittura un maestro di vita. Nei suoi elzeviri io da un lato mi riconoscevo e dall’altro crescevo ancor più nella mia sensibilità. Tant’è che volli fare la sua conoscenza e gli scrissi. Incredibilmente (ma in realtà in consonanza con l’umiltà del suo personaggio) mi rispose inviandomi una cartolina in cui mi ringraziava e mi donava una sorta di poesia che giocava sul mio cognome. Dopo mi inviò altre cartoline dall’Italia. Le ho conservate da qualche parte, le andrò a cercare.

Ma Ceronetti era anche un esempio per tutti di come si dovrebbe vivere sulla Terra: non mise al mondo figli, visse di poco, sempre in piccole case, spostandosi a piedi, seguendo una dieta rigorosamente vegetariana, condannando la globalizzazione. “Uscire dalla città, a piedi, è faticosissimo. T’investe la lava bollente del brutto, del rumore, strade sopra strade, tremendi ponti di ferro, treni, camion, Tir, corsie con sbarramenti, impraticabili autostrade, un vero teatro di guerra.”

Devo ammettere che non sapevo avesse fruito della Legge Bacchelli, che è notoriamente rivolta alle persone che versano in condizioni di difficoltà economica. Da un lato, mi viene da pensare che questo sia consono con il personaggio, che non ha mai sfruttato a fini economici la sua notorietà. Dall’altro, mi viene invece da pensare a quegli ex deputati che ora faranno ricorso contro il taglio dei vitalizi. Ma mi viene anche e soprattutto da pensare a Sciascia, che divideva gli uomini nelle ben note cinque categorie: gli uomini, i mezz’uomini, gli ominicchi, i pigliainculo e i quaquaraquà. Ceronetti faceva parte della prima. E lui rimarrà nella storia. Ma non diciamoglielo, perché non gli farebbe piacere!

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guido Ceronetti morto, ripubblichiamo la sua ultima intervista al Fatto: “Sono un patriota orfano di patria. Italia, regno della menzogna”

next
Articolo Successivo

A Napoli c’è una vera macchina del tempo

next