L’aristocratico milionario Sir Benjamin Slade cerca moglie. A 72 anni non ha ancora trovato la donna della sua vita, colei che possa dargli un figlio a cui lasciare tutta la sua eredità. Nonostante prometta alla fortunata anche una rendita fissa annuale superiore al milione di euro, tutti i suoi tentativi di accasarsi al momento sono falliti. Così ha deciso di iniziare una ricerca pubblica lanciando il suo annuncio sui principali media d’Oltremanica.

“Non sono un tipo che si scoraggia facilmente, ma la mia ricerca finora non ha portato ai risultati sperati”. Non si può stentare a crederlo, d’altra parte Sir Benjamin Slade, può vantare antenati in comune con l’attuale famiglia reale, ma anche e soprattutto un patrimonio milionario (in sterline) che alletta chiunque. Ma, per affinare la ricerca, il nobile ha diffuso anche la lista dei requisiti che deve avere la sua donna ideale. Innanzitutto, deve essere in età fertile, ma non una ragazzina, quindi deve avere tra i 30 e i 40 anni. Poi è importante anche l’altezza: non deve essere infatti alta più di un metro e 65 centimetri.

Tutto qui? Macché. Sir Benjamin, un imprenditore di successo al di là del sangue blu, ha infatti spiegato: “Ogni cosa riguarda gli affari, anche sposarsi lo è. Vorrei una donna intelligente, magari con capacità gestionali, perché così saprei a chi affidare le grandi responsabilità in futuro e farei un affare doppio”. Non solo: la donna che Sir Benjamin vorrebbe sposare deve avere anche il porto d’armi e la licenza da pilota di elicotteri, oltre ad accettare di vivere in un castello costruito nel XIII secolo ed essere una buona casalinga e “allevatrice” di bambini. Ad ogni modo, assicura il bizzarro e divertente nobile, la donna che sposerà potrà facilmente consolarsi con tanti viaggi in giro per il mondo: “Amo visitare posti esotici, provare le delizie della cucina etnica. Il sesso? Penso a tutto io, ci so fare ancora”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lite furiosa tra Nicki Minaj e la rapper Cardi B: insulti, botte e scarpe che volano alla Fashion Week

prev
Articolo Successivo

Siae, Mogol eletto presidente. Sulla riforma del copyright dice: “Siamo in guerra contro le multinazionali che attentano al diritto d’autore”

next