“Oggi alle 11.30 su Rai 1 inizia la tua nuova avventura con la #laprovadelcuoco: in bocca al lupo, Elisa! Faccio il tifo per te e anche per la cucina italiana”. Con un tweet, il ministro dell’Interno e vicepremier Matteo Salvini ha fatto pubblicamente gli auguri alla compagna Elisa Isoardi che oggi debutta sulla tv di Stato nella sua nuova esperienza televisiva come conduttrice de La prova del Cuoco.

Elisa Isoardi ha preso il posto di Antonella Clerici alla guida dello storico programma di Rai 1 e ha voluto imprimere una svolta alla trasmissione, tagliando i ponti con il passato. La conduttrice di Cuneo non ha voluto infatti accanto a sé i volti noti della trasmissione, scegliendo invece solo Andrea Lo Cicero. Negli intenti, il suo vuole essere un “cooking show” che metterà al centro delle puntate le nobili origini della “tavola italiana”, senza mancare di dare spazio a tutto il “nuovo”, che – in termini di cibo, cultura e salute – si muove intorno alla cucina.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Che tempo che fa, Carlo Cottarelli sarà ospite fisso del talk di Fabio Fazio: “Un’analisi competente è dovere del servizio pubblico”

prev
Articolo Successivo

Elisa Isoardi, l’esordio con La Prova del Cuoco non convince: poche ricette e troppi consigli salutisti. Anche le canzoncine sono “da film horror”

next