Matteo Salvini “perde” un reato. Trasmettendo gli atti a Palermo, infatti, la procura di Agrigento ha fatto cadere l’ipotesi di arresto illegale, prevista dall’articolo 606 del codice penale. Nel fascicolo arrivato sul tavolo del procuratore aggiunto Marzia Sabella restano quindi l’abuso d’ufficio, l’omissione di atti d’ufficio, il sequestro di persona e il sequestro di persona a scopo di coazione. Questi due ultimi reati, tra l’altro, tendono a escludersi tra loro. Le indagini sul ministro dell’Interno per il caso della Diciotti, lasciata al porto di Catania per cinque giorni con 177 migranti a bordo, infatti, potrebbero non essere finite.

Come racconta Repubblica, il ragionamento degli investigatori si gioca tutto sul filo dell’interpretazione del diritto. Le indagini spettano esclusivamente al tribunale dei ministri, al quale i pm palermitani devono consegnare il fascicolo entro quindici giorni. Prima dovranno iscrivere nel registro degli indagati il ministro dell’Interno e il suo capo di gabinetto, Matteo Piantedosi, per i reati che riterranno opportuni. Ma gli inquirenti guidati da Franco Lo Voi ragionano anche sulla competenza, ipotizzando anche un trasferimento del fascicolo a Catania. Sembrerebbe esclusa, invece, al momento l’archiviazione. Semmai, bisogna capire se al reato principale contestato a Salvini – il sequestro a scopo di coazione – non abbiano collaborato altri ministri. Secondo il procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio, i migranti sarebbero rimasti bloccati sul pattugliatore della Guardia Costiera per costringere l’Unione Europea a effettuare i ricollocamenti. In questo senso le dichiarazioni di altri esponenti dell’esecutivo hanno rafforzato o no il messaggio lanciato dal leader della Lega a Bruxelles? Su questo ragionano i magistrati siciliani.

Tra gli atti trasmessi a Palermo c’è una sentenza della Cedu che è intervenuta su un episodio simile. I giudici di Strasburgo tre anni anni fa hanno condannato il Governo italiano per avere trattenuto illegalmente nel centro di accoglienza di Lampedusa e poi a bordo di due navi tre tunisini. Secondo la Corte l’Italia aveva violato nel 2011, con Roberto al Viminale, i diritti di tre immigrati clandestini tunisini. I giudici di Strasburgo stabilirono che lo Stato italiano aceca sottoposto gli uomini a un trattamento degradante, prima nel centro di soccorso e prima accoglienza di Contrada Imbriacola a Lampedusa e poi sulle navi ormeggiate nel porto di Palermo e poi utilizzate per il loro rimpatrio. Ai tre uomini, fuggiti dal loro Paese dopo le rivolte della primavera araba per la Corte di Strasburgo era stata imposta una detenzione “irregolare e priva di base legale” e in violazione di numerosi articoli della Convenzione europea dei diritti dell’uomo. Inoltre i motivi alla base della reclusione erano rimasti “sconosciuti” ai tre tunisini, che “non hanno potuto contestarli” in un tribunale italiano. I tunisini in questione però furono rimpatriati, mentre le persone a bordo della Diciotti sono state prese in carico in gran parte dalla Cei, e poi da Albania e Irlanda. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Anticorruzione, il daspo non basta se non si riforma la prescrizione

prev
Articolo Successivo

Firenze, i genitori di Matteo Renzi a processo: gup rinvia a giudizio papà Tiziano e la madre Laura Bovoli

next