Quando emersero le prime notizie sull’inchiesta, Tiziano Renzi padre dell’ex premier, firmandola, comprò una pagina del Quotidiano Nazionale in cui scriveva di voler essere processato nei tribunali e non più sui giornali. “Stop allo stillicidio, chiedo di essere processato ovunque’, riportava il titolo dell’inserzione a pagamento, in cui protestò pubblicamente la propria innocenza: “Basta” ai processi sui giornali, disse con forza, “per il nome che porto”. Ora una data c’è e sembra quasi una beffa. Renzi senior e Laura Bovoli, madre dell’ex segretario del Pd, affronteranno il giudizio a partire dal 4 marzo 2019 con l’accusa di emissione di fatture false da parte di loro società. A giudizio anche l’imprenditore Luigi Dagostino, che in più rispetto ai Renzi è accusato anche del reato di truffa e che il 18 giugno scorso è stato arrestato (ai domiciliari) sempre per fatture false ma nell’ambito di un’altra inchiesta. Per quella per cui sono a processo i genitori dell’ex premier, invece, le fatture finite sotto la lente d’ingrandimento degli inquirenti sono due, da 20mila e 140mila euro più Iva.

LE ACCUSE: DUE FATTURE FALSE DA 20MILA E 140MILA EURO
La Procura di Firenze aveva chiuso le indagini il 18 aprile scorso e presentato la richiesta di rinvio a giudizio l’11 maggio scorso per aver emesso fatture false tramite aziende da loro controllate. Secondo i pm Luca Turco e Christine von Borries, e dopo le indagini della Guardia di finanza, furono pagate fatture per “operazioni inesistenti“, ovvero consulenze mai fatte. Si parla di studi di fattibilità incaricati dalla società di gestione dell’outlet The Mall di Leccio Reggello (Firenze), la Tramor srl (leggi l’articolo del Fattoquotidiano.it). L’outlet è molto frequentato dai compratori e gravita nell’orbita della holding globale del lusso Kering, del magnate francese Francois Pinault. Le fatture a cui non credono gli inquirenti sono due, da 20mila e 140mila euro, più l’Iva, e risalgono al 2015. Vennero pagate dalla Tramor a favore delle società Party, la prima, ed Eventi 6, controllate dai Renzi. Nelle indagini i pm e gli investigatori non hanno trovato riscontri convincenti all’oggetto del prezzo. Quegli studi non ci sarebbero mai stati, ma i pagamenti sì. In teoria uno studio commissionato era diretto ad allargare al ‘food’ l’offerta commerciale dell’outlet, concentrata su abbigliamento di marca. L’altro per incentivare la logistica in modo da portare turisti giapponesi a fare acquisti all’outlet, che si trova a una trentina di chilometri da Firenze.

L’AVVOCATO DEI RENZI: “SIAMO MOLTO FIDUCIOSI SULL’ESITO DEL PROCESSO”
I pm hanno chiesto il processo anche per Luigi Dagostino, che deve rispondere delle stesse accuse, più un’altra per truffa. Imputazione, questa, maturata proprio a causa di una delle fatture ‘false’, quella da 140mila euro di cui Dagostino – ormai non più amministratore della Tramor – sollecitò il pagamento al manager che gli era succeduto. Per l’accusa, Dagostino avrebbe attestato la fondatezza e la veridicità della fattura contabile cosicché venisse pagata con urgenza. “Era una decisione scontata da quando abbiamo scelto di chiedere il processo nel marzo 2018. Vogliamo infatti difenderci in un processo vero e – fa sapere l’avvocato Federico Bagattini, difensore dei coniugi Renzi – non nel tritacarne mediatico. Anche perché le fatture ci sono, sono state regolarmente pagate e il progetto per il quale Renzi ha lavorato è in corso di realizzazione: siamo dunque molto fiduciosi sul merito del procedimento”.

LA “SUDDITANZA PSICOLOGICA” DI LUIGI DAGOSTINO
Luigi Dagostino era in una condizione di “sudditanza psicologica” (come detto dallo stesso imprenditore pugliese in un’intercettazione) nei confronti di Tiziano Renzi: per questo motivo non avrebbe trattato sul prezzo, pagando una cifra di fatto eccessiva rispetto alle consulenze richieste che sarebbero però state realmente effettuate dalle aziende dei Renzi. È quanto sostenuto in una memoria difensiva presentata al gup dai legali di Tiziano Renzi e della moglie Laura Bovoli. Sempre secondo quanto riportato nella memoria, in un’intercettazione Dagostino si lamenterebbe del fatto che le consulenze richieste alle ditte dei Renzi valevano “al massimo 50 60 mila euro 70…”, ammettendo implicitamente che fossero state eseguite. Per l’accusa invece Dagostino, pur non essendo più amministratore della Tramor srl, avrebbe indotto in errore il nuovo amministratore, convincendolo a pagare le due fatture per operazioni in realtà mai eseguite. Sempre in base a quanto ricostruito, il nuovo amministratore della Tramor, scoperta la falsità delle fatture, le avrebbe fatte cancellare dalla dichiarazione dei redditi dell’azienda attraverso un ravvedimento operoso con l’Agenzia delle Entrate, pagando la relativa penale. Secondo i legali dei Renzi, invece, la società non avrebbe annullato le fatture, limitandosi in via cautelativa a considerarne i relativi costi non come inesistenti ma come indeducibili ai fini fiscali.

TIZIANO RENZI E GLI OUTLET DEL LUSSO
Il rapporto tra la famiglia Renzi e gli sviluppatori degli outlet della moda The Mall nati sotto le insegne di Gucci (a Leccio Reggello, ma anche a Sanremo e a Fasano, in provincia di Brindisi, dove però i lavori non sono mai iniziati) è stato al centro di diverse inchieste del Fatto Quotidiano negli anni scorsi. Proprio per questo motivo, Tiziano Renzi ha chiesto 300mila euro di danni al direttore del quotidiano Marco Travaglio, al direttore del sito Peter Gomez e a due suoi giornalisti (Pierluigi Giordano Cardone Gaia Scacciavillani) per quella che lui prefigurava come una campagna mediatica ai suoi danni, chiedendo appunto un risarcimento. Nel mirino del padre dell’allora premier erano finiti proprio gli articoli che si sono occupati del business degli outlet e dei suoi protagonisti (oltre a Renzi senior anche l’imprenditore Andrea Bacci, l’ultimo presidente di Banca Etruria Lorenzo Rosi, la famiglia aretina dei Moretti e il faccendiere pugliese Luigi Dagostino che in Gucci avevano contraltare il top manager Carmine Rotondaro). Un tema su cui, ora è ufficiale, i genitori di Matteo Renzi (che già avevano ricevuto dai pm fiorentini un un invito a comparire per chiarire i loro rapporti, e quelli delle loro società, con Luigi Dagostino) dovranno render conto in qualità di imputati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Diciotti, per Matteo Salvini cade il reato di arresto illegale. Il fascicolo a Palermo

next
Articolo Successivo

Ruby, tentata estorsione a Berlusconi: inchiesta passa da Milano a Monza

next