La Corte europea per i diritti umani ha condannato l’Italia per aver violato nel 2011 i diritti di tre immigrati clandestini tunisini. I giudici di Strasburgo hanno stabilito che lo Stato italiano ha sottoposto gli uomini a un trattamento degradante, prima nel centro di soccorso e prima accoglienza di Contrada Imbriacola a Lampedusa e poi sulle navi ormeggiate nel porto di Palermo e poi utilizzate per il loro rimpatrio.

Ai tre uomini, fuggiti dal loro Paese dopo le rivolte della primavera araba di quattro anni fa che provocarono decine di morti e feriti, per la Corte di Strasburgo è stata imposta una detenzione “irregolare e priva di base legale” e in violazione di numerosi articoli della Convenzione europea dei diritti dell’uomo. Inoltre i motivi alla base della reclusione sono rimasti “sconosciuti” ai tre tunisini, che “non hanno potuto contestarli” in un tribunale italiano.

La Corte, che “tiene conto della crisi umanitaria” sull’isola che nel 2011 ha visto la violenza delle molotov, delle proteste e della repressione del presidente Ben Alì, ha stabilito che l’Italia ha violato il divieto alle espulsioni collettive di stranieri, contenuto nella Convenzione, nel momento in cui li ha rimpatriati in Tunisia senza aver prima analizzato la situazione specifica di ognuno di loro. L’Italia dovrà versare a ciascuno dei tre tunisini 10 mila euro per danni morali e altri 9.300 euro di spese legali. La sentenza diverrà definitiva tra 3 mesi se le parti non richiederanno e otterranno un riesame.

 

 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cara di Mineo, Odevaine: “Così ci spartivamo i soldi. Castiglione? Aveva vantaggi elettorali”

next
Articolo Successivo

Torino, piste da sci modificate: indagati sindaci per disastro colposo

next