Meno barconi carichi di migranti a causa del pugno duro del governo e della rinuncia delle ong a pattugliare il Mediterraneo. Apparente tranquillità nel canale di Sicilia per quanto riguarda i flussi di chi parte dalle coste libiche rischiando la vita. Ma tra gli uomini che pattugliano l’area marina che va dalle coste Sud dell’isola al Nord Africa c’è il timore che possano ricominciare gli sbarchi autonomi. Piccoli natanti che partono magari dalle coste tunisine con poche persone a bordo e che superano le navi che pattugliano le acque. Come avveniva alla fine degli anni Novanta.

I segnali cominciano ad esserci. Sei imbarcazioni, con a bordo 66 migranti, sono state bloccate la notte tra venerdì e sabato a Lampedusa. I carabinieri hanno prima bloccato tre natanti, con a bordo 30 persone, che erano appena approdati a molo Favarolo e poi un’altra piccola imbarcazione, con sopra altri 14, che era riuscita a spingersi fino a cala Palme. La Guardia costiera, invece, nelle acque antistanti alla più grande delle isole Pelagie, ha intercettato e fermato, altri due natanti con a bordo 8 e 14 tunisini. Tutti i 66 migranti sono stati portati all’hotspot di contrada Imbriacola. Nell’agrigentino gli investigatori continuano a cercare le persone che si trovavano a bordo della piccola imbarcazione lasciata sull’arenile della spiaggia di Giallonardo a Realmonte. Insieme ai vestiti bagnati abbandonati chiari segni di uno sbarco fantasma di migranti.

Carabinieri e polizia stanno setacciando l’area, spingendosi fino a Porto Empedocle e Siculiana. Un gruppo di migranti era arrivato tre giorni fa a Lampedusa su un barchino trainato da un peschereccio tunisino. Ora la Guardia di finanza ha arrestato i sei tunisini, componenti l’equipaggio del motopesca, per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e i 14 migranti che erano sulla barchetta sono stati denunciati per ingresso illegale. Mercoledì scorso, durante una ricognizione aerea dell’agenzia europea Frontex, era stata avvistata a più di 80 miglia a Sud da Lampedusa la piccola imbarcazione trainata dal peschereccio tunisino. A notte inoltrata, quando il natante è stato sganciato dal traino a circa 24 miglia da Lampedusa, le motovedette e un guardacoste del reparto operativo aeronavale della Guardia di finanza di Palermo, in contatto con la Procura di Agrigento, hanno intercettato l’imbarcazione con i migranti e bloccato il peschereccio.

Sabato mattina poi 32 persone sono sbarcate all’alba lungo le coste del crotonese, a Capo Cimiti nel territorio del Comune di Isola Capo Rizzuto, all’interno dell’area marina protetta Capo Rizzuto. Del gruppo, arrivato a bordo di un veliero di 12 metri, facevano parte 27 pakistani e 5 bengalesi. Tra loro anche quattro minori e due donne. A dare l’allarme è stato il proprietario del fondo attiguo al tratto di costa che i migranti avevano già raggiunto dopo essere scesi dalla barca. Sul posto è intervenuto il dispositivo di soccorso formato da Croce Rossa e Misericordia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Verona, pulisce il marciapiede. Ma i vigili urbani lo multano per accattonaggio

next