Il primo red carpet della 75esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia ha visto sfilare divi di Hollywood e vip nostrani, accorsi in Laguna per la prestigiosa kermesse cinematografica. Trasparenze, scollatura e spacco vertiginoso per Elisa Isoardi, che ha incantato Venezia con un elegante abito turchese. La compagna di Matteo Salvini ha stupito tutti con il suo look, nonostante fosse un po’ impacciata. Daniela Santanché ha scelto invece un abito metallico dal profondo scollo quadrato: a completare il tutto un paio di occhiali da sole sempre squadrati, per restare nel mood “galattico”.

Come vuole la tradizione, attrici e modelle hanno fatto a gara per conquistare lo scettro di regina di eleganza sul tappeto rosso, con qualche scivolone. La fidanzata di Cristiano Ronaldo, Georgina Rodriguez, è arrivata (sola) e avvolta in un abito bustier con gonna in pizzo che lasciava (troppo) scoperto il fondoschiena. La tendenza era però il rosa, in tutte le sue sfumature: bellissima Naomi Watts (nella sua nuova veste di giurata) in Armani Privé rosa caramella, un po’ “cappuccetto rosso” invece Claire Foy in bicolor Valentino Couture. Sara Sampaio ha scelto invece un raffinato abito sirena in lamé con maxi fiocco; Fiammetta Cicogna un maxi gown di Philosophy di Lorenzo Serafini con taglio impero e piccoli fiori, e Izabel Goulard in argento lamé di Alberta Ferretti.

Sempre elegantissimi anche il giurato Christoph WaltzRyan Gosling, che ha inaugurato il Festival con il suo First ManLa serata è stata inoltre arricchita dalla consegna del Leone d’Oro alla carriera a Vanessa Redgrave, meravigliosa protagonista sul tappeto rosso della serata. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Festival di Venezia 2018, First Man: una versione intima e claustrofobica dello sbarco sulla Luna. Ryan Gosling silente e cupo antieroe

prev
Articolo Successivo

Isis, Tomorrow. The lost souls of Mosul, il racconto di un presente che prelude al peggiore dei futuri

next