Alle 16.30 di martedì 21 agosto, il giorno dopo la tragedia del Raganello, un nuovo temporale è in arrivo. Il torrente si gonfierà ancora. Nonostante la presenza sul posto di autorità a tutti i livelli (Regione, Parco, Comune) nessuno ha pensato di fare una delibera urgente che impedisca che quello che è accaduto lunedì 20 agosto possa succedere di nuovo.  Oggi se dei bambini volessero scendere nelle gole potrebbero legalmente farlo? La domanda è stata rivolta al sindaco di Civita Alessandro Tocci, che spiega: “Una ordinanza degli anni 90 dice che si può andare nelle gole con un esperto, ma non ci sono ordinanze più recenti”. Ma il sindaco non ravvede la necessità di un divieto urgente: “Al momento no, dopo tutto quello che è successo nessuno ci andrebbe…”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pollino, il comune di Civita preparò il regolamento per accesso dei turisti alle Gole. Ma non è mai entrato in vigore

next
Articolo Successivo

Palermo, botte e insulti a 5 migranti minorenni: identificati 3 aggressori

next