Arriva il lavoro su misura per chi è amante dei libri e della tranquillità: lavorare in libreria in spiaggia, alle Maldive. È possibile lasciarsi alle spalle uffici e stress per fiondarsi su spiagge bianchissime, con lo sguardo che si perde verso l’orizzonte, che pone tra sé e voi nient’altro che acque cristalline. Un lavoro che fa della cultura e della voglia d’esplorazione i propri cardini.
Si riceverà uno stipendio per lavorare all’interno di una piccola, remota ma ben curata libreria. Se è vero che il ritorno economico non sarà dei più vantaggiosi, è innegabile che i “benefit collaterali” siano a dir poco sorprendenti. I soldi non fanno la felicità e questa potrebbe essere la chance che stavate aspettando per abbracciare finalmente questa filosofia di vita.

Ad offrire questo lavoro è Philip Blackwell, rampollo di una nota famiglia di librai, che ha deciso di dare il via a una delle proprie attività all’interno di un lussuoso resort ecologico, il Soneva Fushi, alle Maldive. Lasciarsi tutto alle spalle, ripartire da zero e godere della vita a contatto con la natura non è cosa da tutti. Molto più facile dire di volerlo fare, sognarlo, per poi fare i conti con la realtà e capire che il quantitativo di coraggio richiesto supera le proprie capacità. Per questi motivi la posizione è ancora vacante.

Al candidato viene richiesta disponibilità per un minimo di tre mesi, nel corso dei quali sarà chiamato a tenere un blog divertente, che possa descrivere in maniera vivace la vita di un libraio su un’isola deserta. Il resort è, inoltre, frequentato particolarmente da personaggi noti, avendo un costo di 20mila euro a notte, con i quali il candidato dovrà entrare in contatto, arricchendo il proprio resoconto. Chi otterrà il lavoro dovrà intrattenere grandi e piccoli con narrazioni, corsi di scrittura e altro. Dovrà insomma mostrarsi davvero creativo. Per un lavoro decisamente fuori dagli schemi, si cerca una persona che possa essere il più distante possibile dalla definizione di ordinaria.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Radja Nainggolan beccato in discoteca con Fabrizio Corona la sera prima dell’esordio in campionato. I tifosi dell’Inter: “È arrivato un pacco da Roma?”

prev
Articolo Successivo

Asia Argento replica alle accuse di molestie: “Non ho mai avuto nessuna relazione sessuale con Bennett”. La polizia: “Non è indagata”

next