Aquarius, la nave su cui operano SOS MediterranèeMSF, ha effettuato ieri, nel giro di poche ore, due soccorsi: ora ha a bordo 141 persone e continua a perlustrare l’area SAR di fronte alle coste libiche.
Entrambe le operazioni sono cominciate con l’avvistamento, da parte del SAR team, dei due barchini di legno – uno con a bordo 25 persone, l’altro, poche ore dopo, con altre 116 – dalla nave. In entrambi i casi, SOS Mediterranèe spiega di aver informato tutte le autorità della zona: Roma, il JMRCC (Joint Maritime Rescue Coordination Center) di Tripoli, Malta, la Tunisia e Eunavformed. “Mi dispiace, non parlo inglese. Arabo”: ecco le comunicazioni tra Aquarius e la guardia costiera libica nel corso del secondo soccorso, con la necessità dell’intervento di uno dei mediatori culturali di Medici senza Frontiere a bordo di Aquarius.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, l’Aquarius salva 141 persone su due barche: a bordo un neonato e 72 minori. Il video dei due interventi

next
Articolo Successivo

Mantova, 14enne muore schiacciato da una panchina-monumento ai giardinetti. “Ha ceduto il piedistallo che la reggeva”

next