Aquarius, la nave su cui operano SOS MediterranèeMSF, ha effettuato ieri, nel giro di poche ore, due soccorsi: ora ha a bordo 141 persone e continua a perlustrare l’area SAR di fronte alle coste libiche.
Entrambe le operazioni sono cominciate con l’avvistamento, da parte del SAR team, dei due barchini di legno – uno con a bordo 25 persone, l’altro, poche ore dopo, con altre 116 – dalla nave. In entrambi i casi, SOS Mediterranèe spiega di aver informato tutte le autorità della zona: Roma, il JMRCC (Joint Maritime Rescue Coordination Center) di Tripoli, Malta, la Tunisia e Eunavformed. “Mi dispiace, non parlo inglese. Arabo”: ecco le comunicazioni tra Aquarius e la guardia costiera libica nel corso del secondo soccorso, con la necessità dell’intervento di uno dei mediatori culturali di Medici senza Frontiere a bordo di Aquarius.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, l’Aquarius salva 141 persone su due barche: a bordo un neonato e 72 minori. Il video dei due interventi

next
Articolo Successivo

Mantova, 14enne muore schiacciato da una panchina-monumento ai giardinetti. “Ha ceduto il piedistallo che la reggeva”

next