Aquarius, la nave su cui operano SOS MediterranèeMSF, ha effettuato ieri, nel giro di poche ore, due soccorsi: ora ha a bordo 141 persone e continua a perlustrare l’area SAR di fronte alle coste libiche.
Entrambe le operazioni sono cominciate con l’avvistamento, da parte del SAR team, dei due barchini di legno – uno con a bordo 25 persone, l’altro, poche ore dopo, con altre 116 – dalla nave. In entrambi i casi, SOS Mediterranèe spiega di aver informato tutte le autorità della zona: Roma, il JMRCC (Joint Maritime Rescue Coordination Center) di Tripoli, Malta, la Tunisia e Eunavformed. “Mi dispiace, non parlo inglese. Arabo”: ecco le comunicazioni tra Aquarius e la guardia costiera libica nel corso del secondo soccorso, con la necessità dell’intervento di uno dei mediatori culturali di Medici senza Frontiere a bordo di Aquarius.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, l’Aquarius salva 141 persone su due barche: a bordo un neonato e 72 minori. Il video dei due interventi

next
Articolo Successivo

Mantova, 14enne muore schiacciato da una panchina-monumento ai giardinetti. “Ha ceduto il piedistallo che la reggeva”

next