Un ragazzino di 14 anni  ha perso la vita ieri sera, venerdì 10 agosto, schiacciato da una pesante struttura in ferro mentre stava giocando con gli amici in un’area di giardini pubblici di piazza Castello, a Castel d’Ario, in provincia di Mantova. La dinamica dell’incidente ancora non è chiara, ma secondo le prime ricostruzioni il 14enne è stato travolto da una panchina girevole in ferro che ha ceduto, schiacciandolo. Secondo le informazioni il ragazzino era nei pressi della struttura, un elemento di arredo urbano di carattere monumentale del peso di alcuni quintali e montata su un piedistallo, quando improvvisamente è crollata travolgendolo davanti agli occhi dei suoi coetanei.

A cedere in particolare, sarebbe stato il perno che sorreggeva la struttura. La parte che si è staccata, andando a schiacciare il 14enne, era molto pesante, circa 8 quintali. Tanto che, riferiscono i carabinieri di Mantova, sono servite dieci persone per sollevarla e liberare il ragazzino. Quest’ultimo è morto sul colpo a causa dei gravi traumi riportati e il decesso è stato constatato sul posto dai soccorritori del 118 intervenuti. La tragedia si è consumata poco dopo le 22 e 30, quando nella piazzetta c’era ancora gente. Sul posto anche i Carabinieri. L’intera area e la struttura in ferro sono state poste sotto sequestro dall’Autorità Giudiziaria che ora dovrà verificare come si sono svolti i fatti ed individuare eventuali responsabilità. La salma del 14enne è stata composta nelle camere mortuarie dell’ospedale Carlo Poma di Mantova ed è a disposizione del magistrato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Migranti, le incomprensioni tra Aquarius e la Guardia costiera libica: “Mi dispiace non parliamo inglese, solo arabo”

prev
Articolo Successivo

Selinunte, incendio nel parco archeologico: in volo due canadair e un elicottero, via i turisti. Venti ettari distrutti

next