Giovanna Melodia ha rivelato al settimanale Oggi i motivi che hanno portato alla rottura della sua relazione con il vicepremier e ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro Luigi Di Maio. “È finita ai primi di giugno, nei giorni in cui giurava il governo, ma la storia si trascinava già da un mese… Lasciarci è stata una scelta maturata e condivisa da entrambi, non si poteva andare avanti” ha raccontato in un’intervista a Oggi, come riporta il Corriere della Sera. “Visto che fino a oggi non c’è stata nessuna comunicazione ufficiale ho deciso di farlo io: la storia tra me e Luigi Di Maio è finita”, dice la donna. “La politica ha contribuito – ha spiegato -. La distanza e il fatto che lui fosse così preso dalla formazione del governo. Era molto stressato, era impossibile vederci… Prima mi coinvolgeva nelle sue giornate, condivideva tutto con me con messaggi, note vocali, video, foto. Il nostro era un rapporto vivo

A lui, Giovanna rimprovera solo di non aver gestito con delicatezza il “dopo”: “con poco mi avrebbe evitato momenti di difficoltà. Stando con lui mi sono ritrovata da un giorno all’altro in pasto ai giornali, ai fotografi, anche ad attacchi social”. Avvocatessa e consigliere comunale dei 5 Stelle ad Alcamo, 36 anni, Giovanna ha commentato le immagini che ritraggono la ex “storica” di Di Maio (e componente dello staff di comunicazione del M5s) Silvia Virgulti, mentre esce dalla casa del vicepremier con una valigia: “È lei la causa della rottura? Questo dovrebbe chiederlo a lui. Io penso di no… Certo, era evidente che lei ci tenesse ancora molto a lui e, se è riuscita a riconquistarlo, da donna non posso che dirle brava. Io non porto rancori“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Football, cade un tabù: arrivano i ragazzi pon pon

prev
Articolo Successivo

Beyoncé in copertina su Vogue si confessa: “In gravidanza pesavo 100 kg, ho subito un cesareo d’emergenza. Sono quasi morta”

next