Dopo Paul Bocuse, la Francia perde un altro dei suoi grandi maestri della cucina. È morto a 73 anni lo chef Joel Robuchon: era lui a possedere il maggior numero di stelle Michelin. Da tempo era ricoverato per una grave malattia e si è spento alle 11 di lunedì mattina, a Ginevra, in Svizzera. Cuoco simbolo della cucina francese, detto il “genio” della gastronomia transalpina, Robuchon era anche a capo di un impero gastronomico, con ristoranti aperti in tutto il mondo.

Chef di fama mondiale, nella sua vita collezionò premi e riconoscimenti, tra cui la distinzione di Meilleur Ouvrier de France nel 1976, miglior Cuoco dell’anno nel 1987 e miglior Cuoco del Secolo nel 1990. Ad oggi, è lui che possiede il maggior numero di stelle Michelin al mondo. Secondo Le Figaro online, che per primo ha rivelato la notizia, Robuchon era stato “operato oltre un anno fa da per un tumore al pancreas che l’aveva molto indebolito”. “La cucina è la semplicità e la cosa più difficile è la semplicità”, usava dire Robuchon, che innovò l’alta cucina francese, mettendo in primo piano i prodotti che sceglieva con rigore quasi maniacale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Guerra della mozzarella, per ora vince la Puglia: quella di Gioia del Colle ha ottenuto il marchio Dop

prev
Articolo Successivo

Beppe Rinaldi, se n’è andato ‘Citrico’. Il mio ricordo tra vino e amicizia

next