Prima ha licenziato 60 dipendenti, poi ha assunto il figlio. No, questa volta non è l’ennesimo caso di nepotismo all’italiana ma quanto fatto da Victoria Beckham. L’ex Spice Girl è ora un’imprenditrice e ha deciso di assumere il figlio maggiore Brooklyn come fotografo della sua nuova linea di abbigliamento di lusso, non prima però di aver licenziato 60 lavoratori. A raccontarlo è il Daily Mail, secondo cui il 19enne ha appena concluso un corso di fotografia a New York ed è già a libro paga della Victoria Beckham Ltd, con il compito di supervisionare tutte le nuove campagne pubblicitarie. “Merch Collection”, in collaborazione con Reebok, è stato il primo grande progetto di Brooklin per l’azienda della madre, all’inizio di quest’estate.

Una scelta che in Rete è stata subito considerata di cattivo gusto e all’ex Posh sono piovute addosso le critiche anche dei suoi fan: in molti l’accusano infatti di essere una cattiva imprenditrice e di “nepotismo”. Critici anche molti esperti del settore: “Brooklyn ha lanciato questa nuova campagna e ha suscitato molte perplessità nel settore perché è così giovane e molto inesperto — ha detto una fonte vicina ai Beckham —. Ma a Victoria questo non importa, è sicura che sarà un’esperienza fantastica per lui”. E non sembra intenzionata a mollare: “È il suo sogno avere Brooklyn accanto a lei — continua la fonte anonima — Si fida ciecamente e ama il fatto che sia giovane. Chiede continuamente il suo parere sui suoi progetti e sulla loro presentazione”.

Un post condiviso da bb? (@brooklynbeckham) in data:

Ma a far vacillare l’azienda di Vicktoria Beckham ci sono anche i bilanci in rosso: i conti del 2017 sono stati disastrosi e la società ha chiuso l’anno con 7,5 milioni di sterline di perdite. Per ripagare i debiti, Victoria è stata costretta ad affidarsi ai nuovi investitori della Neo Investment Partners che ad aprile hanno speso 30 milioni di sterline (quasi 35 milioni di euro), costringendo la star a tagliare però di un terzo la forza lavoro. Ecco il motivo dei 60 licenziamenti.

 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trump insulta LeBron James, Melania va contro il marito e si schiera con la star dell’Nba

next
Articolo Successivo

Due anziani scappano dall’ospizio per andare a un festival heavy metal in Germania

next