Francia contro Inghilterra. Quella che con i suoi cent’anni è stata una delle guerre più lunghe della storia e che poteva essere la finale dei Mondiali di Russia 2018, oggi è la nuova polarità nel mondo della telefonia mobile. La sfida tra Iliad e Vodafone si è arricchita di un nuovo capitolo con la sospensione dell’ultimo spot della multinazionale inglese tacciato come “ingannevole”.

La sentenza è arrivata dall’Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria che ha dato ragione alla denuncia portata avanti dalla compagnia low cost francese Iliad (insieme a Fastweb) contro lo spot con protagonista la cantante italiana Baby K. Sotto accusa la scarsa informazione con cui Vodafone avrebbe “ingannato” i suoi clienti. “Nasce Vodafone Unlimited, Giga Illimitati sulla app che ami di più: social unilimited, chat unlimited, mappe unlimited, musica unlimited. Un’estate senza limiti sulle rete senza limiti” recitava lo slogan nello spot, sulle note del tormentone «Da zero a cento». Nella pubblicità però, già passata sia sui canali tv che sul web, non venivano comunicati al consumatore i costi di attivazione e quelli extra nel caso si fosse oltrepassata la soglia. Così la Iap ha accettato la denuncia di Iliad e ha sancito la sospensione della pubblicità.

Vodafone dice così addio a Baby K e allo spot più ballerino dell’estate. Lo sgambetto subito, però, altro non è che l’evoluzione digitale del classico occhio per occhio. Quella dei francesi infatti è una vendetta servita a stretto giro di posta dopo che la stessa Vodafone, in società con Tim, aveva denunciato e fatto sospendere lo spot di lancio della nuova compagnia low cost, rea di aver offerto “messaggi pubblicitari ingannevoli e promesse impossibili da mantenere”. Il Gran Giurì solo pochi giorni fa aveva dato ragione alle due superpotenze sentenziando che, nella pubblicità, Iliad non aveva indicato in modo corretto i costi di attivazione e i limiti di utilizzo dati in Europa. La “guerra” era iniziata nei mesi scorsi con l’annuncio di ho. mobile, l’operatore virtuale targato Vodafone e buttato nel mercato come freno alle offerte pazze della compagnia low cost. La sfida continua e ora si allarga anche al campo della pubblicità. Sperando non duri cent’anni.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Raoul Bova e Rocio Munoz Morales genitori bis: in arrivo il secondo figlio

next
Articolo Successivo

Elettra Lamborghini, paura dopo un malore: le foto mentre viene trasportata in ambulanza

next