Condannata a sei mesi di carcere per aver abortito dopo essere stata violentata per otto volte dal fratello, succede ad una quindicenne in Indonesia che abortì in maniera clandestina al sesto mese di gravidanza, fuori tempo massimo per le leggi del paese. Anche il fratello di 18 anni verrà incarcerato per due anni con l’accusa di aver fatto sesso con una minorenne.

La ragazza avrebbe abortito per evitare il giudizio dei vicini di casa con l’aiuto della madre, anche lei sotto accusa. Le violenze erano cominciate lo scorso settembre, poi a maggio la gente del posto aveva scoperto il corpo senza testa di un feto vicino a una piantagione di olio di palma, i due fratelli dopo essere stati scoperti sono stati arrestati a giugno.

I pubblici ministeri avevano chiesto in un primo momento che la ragazza fosse incarcerata per un anno e suo fratello per sette anni: ora non escludono di poter fare appello contro la decisione della corte. Oltre al carcere, i due ragazzi dovranno anche sottoporsi a un periodo di riabilitazione in un centro educativo.

In Indonesia l’aborto è illegale, ma viene permesso in caso di stupro, l’intervento deve essere però effettuato entro le sei settimane dal concepimento. Le leggi sull’aborto in Indonesia sono state spesso criticate dalle autorità sanitarie internazionali e dai gruppi per la difesa dei diritti delle donne. A loro parere, molte indonesiane sarebbero costrette ad abortire in cliniche illegali. Secondo un rapporto del 2013 dell’Organizzazione mondiale della sanità gli aborti rappresenterebbero tra il 30 e il 50 per cento delle morti tra le madri nel Paese.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il ciclista rischia grosso: il bus turistico lo supera e lo fa uscire di strada. La lite tra i due è furibonda

next
Articolo Successivo

Incendi Grecia, Atene assediata dalle fiamme: 74 morti e 556 feriti. Le autorità: “47 roghi in sole 24 ore: l’origine è dolosa”

next