E’ stata annullata l’assoluzione di Daniela Poggiali, l’ex infermiera di Lugo accusata di omicidio volontario per la morte di una sua paziente. A deciderlo è stata la prima sezione penale della Cassazione, presieduta da Antonella Mazzei, che ha accolto il ricorso del procuratore generale di Bologna Mariella De Masellis e delle parti civili disponendo un appello bis. Secondo l’accusa, l’infermiera ha causato la morte di Rosa Calderoni, 78 anni, con un’iniezione di cloruro di potassio. “Daniela Poggiali è molto serena come lo è chi si sente innocente e sa che la verità, sia pure faticosamente, emergerà prima o poi in modo definitivo – ha dichiarato l’avvocato difensore Lorenzo Valgimigli – Non è la prima volta, in Italia, che per poter essere prosciolti da un’accusa di omicidio occorrono due assoluzioni, perché una non basta”.

La figlia di Rosa Calderoni, da quanto riporta la legale Grazia Russo, ha espresso soddisfazione e gratitudine per il”lavoro svolto dalle procure cui si aggiunge quello degli avvocati”.  “Ovviamente attendiamo – ha proseguito l’avvocata commentando la decisione della Cassazione – di leggere le motivazioni per comprendere quali siano i rilievi giuridici accolti e sui quali dovrà uniformarsi la nuova corte di Assise“.

Daniela Poggiali era stata condannata a marzo del 2016 all’ergastolo dalla corte d’Assise di Ravenna. L’imputata – che si era anche scattata un selfie con il cadavere della donna – era indagata anche per un’altra decina di morti sospette in corsia. Durante i suoi turni, infatti, ci furono una novantina di morti in più rispetto alla media dei periodi in cui non era in servizio: lei, che si è sempre dichiarata innocentedisse che era solo per sfortuna che i pazienti morissero durante il suo turno.

Lo scorso anno la corte d’Assise d’appello di Bologna ha annullato la pena per l’infermiera, “perché il fatto non sussiste“. Una sentenza frutto della discussione tra i consulenti della Procura Generale e della difesa sulla possibilità di accertare con chiarezza che la morte di Rosa Calderoni fosse riconducibile a una somministrazione di potassio a livelli letali per via dell’utilizzo di un metodo innovativo per il calcolo della sostanza, che “non trova analoghe applicazioni in letteratura“, avevano scritto i periti della Corte.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Torino, arrestato il rapinatore del supermercato. Era stato bloccato da richiedente asilo

prev
Articolo Successivo

Furbetti del cartellino, in chiesa o al centro estetico invece che al lavoro: 12 indagati al Comune di Procida

next