Ciao Madiba. Per celebrare i cento anni dalla nascita di Nelson Mandela, il leader politico anti-apertheid che fu presidente del Sudafrica dal 1994 al 1999, e che morì il 5 dicembre 2013, da oggi in libreria potrete ammirare la graphic novel di Lewis Helfand e Sankha Banerjee, intitolata Nelson Mandela – L’anima invincibile (Gribaudo-Feltrinelli) di cui il FQMagazine vi offre in anteprima dieci tavole.

Il mio ideale più caro è quello di una società libera e democratica in cui tutti vivano in armonia e con le stesse opportunità. Spero di viverci abbastanza da riuscirci. Ma se sarà necessario è un ideale per il quale sarò pronto a morire”, affermò Mandela durante il processo di Rivonia nel 1964 al termine de quale fu riconosciuto colpevole di sabotaggio, distruzione di beni e violazione delle legge in vigore sull0interdizione del comunismo e condannato all’ergastolo.

Un biopic a tutto tondo, che inizia da dietro le sbarre, che offre perfino tracce fotografiche di Madiba da giovane, e che va a recuperare tutta la sua vita dalla nascita nel piccolo villaggio di Mvezo, passando per la lunga carcerazione, fino alla liberazione e al sui definitivo affermarsi come padre di una nazione senza più apartheid.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vittorio Malingri, quando il mare è un vizio di famiglia. Avventure e stile di vita del grande velista italiano

prev