Basta un tweet per scatenare una polemica, per ricevere insulti e per dividere i follower. Sono gli effetti della comunicazione ai tempi dei social e ne sanno qualcosa i personaggi noti, questa volta è il turno di Enrico Ruggeri. Al centro del dibattito una piccola incomprensione con un venditore di rose che ha portato a centinaia di commenti, sintomo che il clima è particolarmente teso sui migranti.

“A cena con mia figlia. Arriva il tipo delle rose, Adidas in tinta con la camicia. Insiste 3/4 minuti e dice che ha fame. Cedo. Pago con 50+20+20+10 centesimi. ‘Non voglio spiccioli’ e se ne va. Gli chiedo scusa, non volevo che qualcuno mi desse del razzista”, scrive l’artista milanese. Pochi secondi e arrivano le prime accuse di razzismo, altri colgono la palla al balzo per rivendicare le proprie posizioni estremiste. C’è chi inneggia al ventennio fascista mostrando bottiglie di “Sangiovese di Predappio”, chi si infastidisce per il riferimento all’abbigliamento e chi lo accusa di essere fuori luogo oltre che tirchio.

Il paroliere e cantante, il cui intento era probabilmente ironico, ha provato a replicare a chi gli dava del “taccagno” invitandolo a donare almeno cinque euro: “Taccagno non direi. A parte le mie iniziative personali delle quali non parlo sono a quasi 100 milioni di euro donati con la Nazionale Cantanti. Mi dica cosa fa lei, a parte il soldatino ben istruito (comunque il livello del dissenso è questo)”. Per poi aggiungere, rispondendo a un altro utente, che le risposte di chi lo ha attaccato sono piene di “violenza verbale, livore, offese personali. Mi sembrano umanamente e intellettualmente peggiori di chi ha capito lo spirito anche ironico del post. Facile star dietro a una tastiera, naturalmente.”

Molte volte in questi anni Ruggeri è stato considerato un cantante di destra, al settimanale Tu lo scorso aprile aveva replicato: “Ho fatto sempre scelte impegnandomi in prima persona: sulla guerra dei Balcani, sulla pena di morte, adesso sul Tibet. Senza mai chiedermi se fosse una battaglia di destra o di sinistra“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Balalaika, Ilary Blasi e Belen Rodriguez disertano l’ultima puntata. Il mago Forest: “Le abbiamo lasciate stoccate in magazzino”

next
Articolo Successivo

Addio al nubilato di Chiara Ferragni, la foto con le amiche definite “rotonde e felici” fa scoppiare il caos. Ecco cosa è successo

next