Almeno 24 persone sono morte e altre 73 sono rimaste ferite in seguito al deragliamento di un treno passeggeri nella provincia di Tekirdag, nel nord-ovest della Turchia. Lo ha riferito il vice primo ministro turco, Recep Akdag, citato dall’agenzia di stampa “Anadolu”. Il convoglio, diretto da Edirne a Istanbul, era partito alle 15:45 locali con 362 persone a bordo. Secondo fonti del ministero dei Trasporti, i vagoni usciti dai binari sono 5 su 6. Secondo Cnn Turk sul posto sono arrivate molte ambulanze. Il treno è uscito dai binari in una zona rurale nel distretto di Corlu. Il governatore locale, Mehmet Ceylan, ha spiegato che i feriti sono stati elitrasportati in ospedale.

Il governatore di Tekirdag, ha dichiarato inoltre che l’incidente è stato causato dalle forti piogge nella regione. Successivamente il ministero dei Trasporti ha confermato che la causa del deragliamento è stato uno smottamento provocato dalle piogge torrenziali. La zona dove si è verificato l’incidente appare molto fangosa a causa di recenti forti piogge. Le condizioni rendono inoltre difficoltose le operazioni di soccorso. Il presidente Recep Tayyip Erdogan e il premier Binali Yildirim sono costantemente informati della situazione dalle autorità locali e seguono la vicenda.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Brasile, Corte d’Appello ordina scarcerazione dell’ex presidente Lula. Giudice federale si oppone: tutto bloccato

prev
Articolo Successivo

Cina, caffè sta prendendo il posto del tè: piantagioni raddoppiate e 600 Starbucks in un anno. E’ il simbolo dei borghesi

next