L’entry level al mondo Jeep si rinnova: dalla seconda metà di luglio sarà infatti disponibile in tutti gli showroom italiani il model year 2018 della Renegade, la sport utility compatta prodotta dal 2014 nello stabilimento di Melfi insieme alla “sorella” Fiat 500X.

Gli interventi migliorativi sono meno evidenti all’esterno, dove la vettura ha mantenuto la propria impostazione stilistica, su cui sono stati comunque “innestati” nuovi fari (rigorosamente tondi, come da tradizione) a led e nuovi cerchi da 19”.

All’interno invece, la tecnologia la fa da protagonista con il sistema Uconnect di quarta generazione offerto di serie che può contare su con schermi touch ad alta definizione da 5, 7 e 8.4 pollici, con predisposizione per Apple CarPlay e compatibilità con Android Auto. Diversi anche i sistemi di sicurezza e assistenza alla guida: dal Lane Sense Departure Warning-Plus e Intelligent Speed Assist con riconoscimento della segnaletica stradale di serie su tutta la gamma, e Forward Collision Warning-Plus con frenata attiva d’emergenza di serie sull’allestimento Limited.

La verà novità, come si dice in questi casi, è invece sotto al cofano. Dove debutta la nuova famiglia di motori turbo benzina Multiair in lega d’alluminio, a tre e quattro cilindri: si tratta di un 1.0 da 120 Cv e di un 1.3 acquistabile nelle due varianti di potenza da 150 e 180 cavalli. Disponibili anche i turbodiesel 1.6 da 120 Cv e 2.0 da 140 e 170 cavalli.

Come detto, la Renegade MY 2019 sarà nelle concessionarie da metà luglio in quattro allestimenti (Sport, Longitude, Limited e Trailhawk), e in versione sia a due che a quattro ruote motrici.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Porsche 911 Speedster Concept, un regalo di compleanno da 500 cavalli – FOTO

next
Articolo Successivo

Peugeot Rifter, ecco il van multifunzionale per il lavoro e la famiglia – FOTO

next