Inserire nella Costituzione il divieto di accoglienza dei migranti economici illegali. E’ il progetto cui sta lavorando il governo ungherese di Viktor Orban inserirà. La modifica è stata votata in commissione parlamentare, e con tutta probabilità sarà approvata in aula domani dalla maggioranza governativa di due terzi del partito del premier Fidesz. Con questa modifica, il primo ministro ungherese cerca un ulteriore argomento per contrastare l’introduzione di quote obbligatorie di accoglienza nell’Ue.

Lunedì, parlando nell’università di lingua tedesca a Budapest per l’anniversario della scomparsa dell’ex cancelliere Helmut Kohl, Orban aveva messo in chiaro che nella polemica europea sulla migrazione non c’è posto per nessun compromesso: le frontiere devono essere difese. Secondo il premier, il futuro dell’Unione europea dipende dalla sua capacità di difendere i confini. I migranti già arrivati non devono essere distribuiti fra i paesi membri con il meccanismo delle quote, ma rispediti in massa nei paesi di origine. Gli anni passati, ha detto, sono i più fallimentari dell’Ue della sua storia per la Brexit e la mancata gestione dell’immigrazione di massa. Orban si augura un’Europa forte, possibile solo con stati nazioni forti. Condanna la proposta di bilancio della Commissione europea, “perché aiuta la migrazione”, e crede che le prossime elezioni europee, nel 2019, saranno decisive, e gli elettori dovranno scegliere “fra chi aiuta e chi contrasta la migrazione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PERCHÉ NO

di Marco Travaglio e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Terrore ad alta quota, l’ala dell’aereo prende fuoco. Panico per la nazionale dell’Arabia Saudita

next
Articolo Successivo

Migranti, Trump: “Crimini in Germania saliti del 10%”. Merkel lo smentisce: “I nostri dati dicono il contrario”

next