Non guidi da tanto tempo? La tua patente non può comunque essere soggetta a revisione. Ad affermarlo è il Tar di Bolzano, che con la sentenza n°194 del 9 giugno 2018, ha deciso che per mantenere la licenza di guida dopo un periodo di inattività, anche prolungato, dal condurre un veicolo non sia necessario sostenere nuovamente gli esami di abilitazione. Un’interpretazione inedita, sembrerebbe, dell’art. 128 del Codice della Strada, che regola la revisione della patente.

Interpretazione secondo cui tale revisione “non va necessariamente disposta dopo un mancato utilizzo triennale della licenza ma va effettuata una valutazione personalizzata, caso per caso, sui motivi del mancato rinnovo”

Il caso preso in oggetto, nello specifico, era quello di un autista professionale a cui era stata sospesa la patente per due anni a causa di un’infrazione al CdS. Il soggetto non era più andato a ritirare il documento e solo dopo 5 anni ne aveva richiesto un duplicato. L’Ufficio Patenti della Provincia di Bolzano aveva provveduto a produrlo, ma dopo averlo riclassificato da categoria C (camion) a categoria B (auto).

Provvedimento prontamente impugnato dall’autista, il quale si è visto dare ragione dal Tribunale Amministrativo di Bolzano. Che, come riportato da dirittiegiustizia.it, nel dispositivo della sentenza ha fatto passare il concetto che “l’idoneità alla guida di un soggetto non può essere desunta in via meccanica dal fatto che il ricorrente non abbia chiesto il rinnovo della sua patente per un periodo più o meno lungo, senza che venga compiuta una valutazione specifica di altri elementi giustificativi della disposta revisione”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Telepedaggio europeo, via libera della Commissione Trasporti Ue. Si va verso il dispositivo unico

prev
Articolo Successivo

Incidenti stradali, è allarme Europa. 500 decessi a settimana negli ultimi 4 anni

next