Il nome è tutto un programma: ProPilot. E a spiegarlo in soldoni, si può dire che il sistema che ora equipaggia l’antesignano di tutti gli sport utility, il Nissan Qashqai, aiuta chi è al volante a frenare, accelerare e sterzare. Comodo, no? Entrando più nello specifico, il ProPilot ha tre funzioni. La prima è quella di Cruise Control “intelligente”, che regola la velocità in base al veicolo che precede, mantenendo le giuste distanze. Poi c’è il Lane Keeping Assist, che agisce sullo sterzo in modo da tenere il mezzo bene al centro della propria corsia. E infine il Traffic Jam Pilot, che letteralmente segue l’auto che precede a una distanza costante, anche rallentando e fermandosi quando serve, per poi ripartire. Un bell’ausilio, non c’è dubbio, che funziona in autostrada e su strade ad alto scorrimento. Ma attenzione: pur essendo un primo passo verso la guida automatizzata, il ProPilot necessita sempre dell’intervento del conducente. Occhio a non distrarsi, dunque.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Salone dell’auto di Parco Valentino, il bilancio è di oltre 600 mila visitatori

prev
Articolo Successivo

Audi A1, svelata la seconda generazione – FOTO

next