Il nome è tutto un programma: ProPilot. E a spiegarlo in soldoni, si può dire che il sistema che ora equipaggia l’antesignano di tutti gli sport utility, il Nissan Qashqai, aiuta chi è al volante a frenare, accelerare e sterzare. Comodo, no? Entrando più nello specifico, il ProPilot ha tre funzioni. La prima è quella di Cruise Control “intelligente”, che regola la velocità in base al veicolo che precede, mantenendo le giuste distanze. Poi c’è il Lane Keeping Assist, che agisce sullo sterzo in modo da tenere il mezzo bene al centro della propria corsia. E infine il Traffic Jam Pilot, che letteralmente segue l’auto che precede a una distanza costante, anche rallentando e fermandosi quando serve, per poi ripartire. Un bell’ausilio, non c’è dubbio, che funziona in autostrada e su strade ad alto scorrimento. Ma attenzione: pur essendo un primo passo verso la guida automatizzata, il ProPilot necessita sempre dell’intervento del conducente. Occhio a non distrarsi, dunque.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salone dell’auto di Parco Valentino, il bilancio è di oltre 600 mila visitatori

next
Articolo Successivo

Audi A1, svelata la seconda generazione – FOTO

next