Quella che termina stasera è un’edizione del Grande Fratello (la quindicesima) che sicuramente non ci dimenticheremo facilmente. Anzitutto per il ritorno di “lady cazziatone”, aka Barbara d’Urso, alla conduzione del reality di Canale 5: la conduttrice ha portato il suo stile, la sua tempra e anche i suoi personaggi prediletti già visti nei suoi salotti, trasformando di fatto il programma in uno spin-off di Domenica Live. Questa sera, tra l’altro, ospite della finale sarà Gina Lollobrigida, che qualche volta è stata presente nel contenitore domenicale. In attesa di scoprire il vincitore, che secondo le quote Sisal Matchpoint sarà il “tarzan di Viterbo” Alberto Mezzetti, ecco i dieci motivi per cui questa edizione del Gieffe rimarrà impressa nella storia della “trash television”.

GLI SCANDALI – Dalle bestemmie alle risse, i reality sono sempre stati uno specchio sulla società anche con i loro comportamenti più volgari e condannabili. Quest’anno, però, al GF si sono superati. Per la prima volta un intero cast si è alleato a mo’ di branco contro una sola concorrente, la spagnola Aida Nizar e il pubblico si è ribellato con fermezza sui social. Non solo: la stessa Nizar è stata accusata di razzismo nei confronti di Baye Dame, il concorrente senegalese che l’aveva aggredita contro il muro e che poi è stato squalificato. Anche Luigi Mario Favoloso è stato espulso per aver indossato una maglia con una scritta sessista contro Selvaggia Lucarelli, e sempre lui ha paragonato la senatrice Stefania Pezzopane a un “puff”. E ancora, Filippo Contri, che se ne è tornato a casa con ben due denunce: una da parte degli animalisti per aver raccontato di aver picchiato e tagliato la coda al suo cane, una da parte di Asia Argento, che ha offeso mentre si trovava dentro la Casa. Hanno fatto l’en plein.

Grande Fratello 15, la finalissima: i dieci momenti più trash di questa edizione in attesa dell’ultima puntata

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Picnic at Hanging Rock. Una gita fuori porta si tramuta in tragedia, una serie di sparizioni sconvolgerà una comunità

prev
Articolo Successivo

Cristo è tornato ed è il nuovo leader del Pd. Ma nel cortometraggio di Estremi Rimedi il colpo di scena è dietro l’angolo…

next