Visa ha risolto il problema tecnico che nelle scorse ore ha impedito a numerosi clienti in molti Paesi europei di effettuare i pagamenti con le loro carte di credito. In una nota su Twitter la società ha spiegato che il problema non era “associato ad un cyberattack o ad accessi non autorizzati”. L’amministratore delegato Al Kelly si è “scusato per l’inconveniente”, sottolineando: “Il nostro obiettivo è garantire che i pagamenti con la carta Visa possano essere effettuati 24 ore al giorno, 365 giorni l’anno”. Ma “oggi siamo rimasti ben al di sotto di questo obiettivo e ci scusiamo con tutti i nostri partner e, soprattutto, con i titolari di carta Visa”, ha precisato, dopo un venerdì nero per il gruppo Usa. Ad avere problema nella giornata di ieri sono stati molti clienti in Gran Bretagna, Irlanda e altri Paesi europei, riferendo di non poter utilizzare le proprie carte. Visa gestisce oltre 10 mila miliardi di dollari di pagamenti ogni anno. Nel 2016 ha completato l’acquisizione di Visa Europe per 20 miliardi di dollari dopo che per otto anni le due società hanno operato separatamente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Romanina, lezioni di legalità dopo aggressione dei Casamonica: “Servono reti alternative alla malavita”

prev
Articolo Successivo

Napoli, obbligo di tre multe al giorno per i controllori dell’Eav. Il presidente: “Lo farò anche io”

next