Dare vita ad un racconto positivo e costruttivo dell’esistenza delle persone con emofilia A, oltre che segnare un cambio di rotta e disegnare insieme una quotidianità e un futuro migliori. Ecco gli obiettivi di “Ridisegniamo l’emofilia”, la campagna nazionale di comunicazione dedicata a far emergere bisogni e aspirazioni di donne e uomini con questa malattia ereditaria dovuta a un difetto della coagulazione del sangue, il processo attraverso cui, in caso di lesioni ai vasi sanguigni, il sangue forma un “tappo” che ne impedisce la fuoriuscita. Il progetto è promosso dalla Roche con il patrocinio della Federazione delle Associazioni Emofilici (FedEmo), membro della World Federation of Hemophilia e dell’European Hemophilia Consortium, e della Fondazione Paracelso Onlus.

Gli organizzatori dell’iniziativa vogliono “raccontare le storie e le esperienze di vita delle persone con emofilia A, anche per poter ispirare tutti coloro che, tutti i giorni, vivono al loro fianco”. La campagna si sviluppa attraverso le pagine Facebook e i profili Instagram @Ridisegniamolemofilia dove potranno essere condivisi pensieri, poesie, video, ma anche foto e dipinti con l’hashtag #ridisegniamolemofilia. “La creatività, la capacità di raccontare le emozioni e i desideri saranno valorizzati dalla street-art, scelta come forma espressiva per veicolare l’inizio di un cambiamento in quanto rappresenta la capacità di migliorare spazi urbani, di esprimere liberamente valori in modo dinamico e dirompente”, spiegano a ilfatto.it gli ideatori del progetto.

La FedEmo è una onlus nata nel 1996, con sede legale a Roma. E’ una federazione che rappresenta 33 associazioni locali che, sui rispettivi territori, tutelano i bisogni sociali e clinici di circa 8mila persone con disturbi congeniti della coagulazione del sangue e delle loro famiglie. Dal 1 giugno 2011, FedEmo è componente della Consulta tecnica permanente per il Sistema trasfusionale italiano. Due anni dopo diventa anche Associazione di promozione sociale (Aps) riconosciuta e inserita negli elenchi ministeriali. “I contributi ricevuti saranno poi rielaborati graficamente e postati sui canali social e saranno di ispirazione per la realizzazione di un’opera artistica di street-art. Infine – aggiungono i responsabili dell’iniziativa – saranno anche organizzati alcuni eventi nelle piazze italiane durante i quali diversi artisti creeranno, in tempo reale, delle opere coinvolgendo direttamente i pazienti, le associazioni, il personale clinico e le istituzioni”.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Second Life Toys, l’associazione che fa i “trapianti” ai peluche per promuovere la donazione degli organi

next