La trap è la musica degli adolescenti. Questo oramai è risaputo. È un linguaggio che loro padroneggiano e con cui spesso si esprimono. Fino all’anno scorso allenavo una squadra di calcio della categoria “giovanissimi” (12-14 anni) e ricordo che nello spogliatoio i ragazzi si sfottevano inventando versi rimati: il più bravo di tutti stendeva gli altri con la rima più geniale. Ho sempre pensato che ci fosse un potenziale artistico fuori dal comune in tutto questo; bisogna vederle da vicino le cose per rendersene conto.

Quest’anno, tramite un progetto pomeridiano che sto curando nella scuola dove insegno, ho avuto modo di ascoltare e parlare di musica con i ragazzi. Recentemente c’era un nome che più di tutti mi incuriosiva, quello di Young Signorino e, assieme ai nomi più gettonati, ho chiesto anche il loro parere su di lui. A leggere i post e gli articoli di persone che stimo, il giudizio oscillava dall’idea di trovarsi di fronte al nuovo Jim Morrison, alla degenerazione più totale della musica.

Il mio parere è che Young Signorino sia una semplice parodia del cuore accattivante della musica trap, dei vari Sfera e Dark Polo Gang, dei quali – come tutte le parodie – estremizza alcuni aspetti, e funziona nei meccanismi YouTube come funziona la cacca nel water, che attira immancabilmente il tuo sguardo prima dello sciacquone, o come i curiosi sulla scena di un omicidio efferato: senza impegno e coinvolgimenti, senza compromessi e senza peso, solo feticismo perverso e thanatos.

Tra i ragazzi, Young Signorino non è come Sfera o Capo Plaza: nella stragrande maggioranza dei casi viene semplicemente e bellamente deriso.

Si tenga presente che nemmeno i primi vengono fruiti come quelli della mia generazione (o delle precedenti) fruiscono e fruivano i cantautori. Spesso si tratta solo di contraltare alla romanticheria delle canzoni pop o alla richiesta d’attenzione della musica “di qualità”.

Mentre però la musica dei migliori cantanti trap deriva dallo stravolgimento e dalla precarietà sociale in cui sono costrette a vivere le nuove generazioni, e di ciò descrivono – e a volte scrivono – le caratteristiche (come ha recentemente raccontato in maniera mirabile Lorenzo Misuraca qui), Young Signorino segue la scia, sfrutta unicamente l’icona riconoscibile del disagio e la ripropone innocua per farla applaudire.

Insomma: lo state sopravvalutando. Parlate con i vostri figli e tutto vi sarà più chiaro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Pippo Caruso, addio al celebre direttore d’orchestra. Pippo Baudo: “Avevamo un’intesa naturale. Mi mancherà tantissimo”

next