Che l’automobilista italiano fosse tra i più controllati al mondo, qualche sospetto c’era. Ora la conferma arriva da un’indagine realizzata dalla startup Woolf: l’Italia è il terzo Paese al mondo per presenza di tutor e autovelox, dopo Brasile e Germania. In particolare, lungo lo Stivale sono disseminati 23 mila punti di controllo, di cui il 70% con postazioni fisse e semafori con telecamere. A questi si aggiungono poi i dispositivi di controllo mobili e gli “archi” di misurazione presenti sulle autostrade, che sono 600. Nei 70 Paesi più importanti del mondo, le postazioni sono in totale 170 mila.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

GFG Sibylla, anteprima italiana a Villa D’Este per il lusso firmato Giugiaro – FOTO

next
Articolo Successivo

Volkswagen Modo, un sito web per capire la mobilità di oggi e domani

next