Un libro sul sesso per insegnare al figlio adolescente che non si vive di solo porno sul web. Quanto sia premurosa mamma Gwyneth Paltrow lo si scopre nella corposa bibbia della sessualità appena uscita nelle librerie statunitensi per il suo lifestyle brand Goop. Il libro s’intitola The issue of sex, e ha un sottotitolo che ricorda Woody Allen: “tutto quello che avreste voluto sapere su sessualità, seduzione e desiderio”. Suddiviso in cinque parti (ci sono due capitoli specifici sul “come farlo” e sull’ “orgasmo”), e costruito in un continuo domanda/risposta con importanti sessuologi, psicologi, e medici, The issue of sex ha una breve introduzione proprio della 45enne attrice, protagonista di Shakespeare in Love e Il talento di Mr. Ripley. “Quando gli editori sono venuti da me e mi hanno detto ‘vogliamo scrivere un nuovo Joy of Sex (il libro pubblicato nel 1972 dall’inglese Alex Comfort dove si parlava per la prima volta di bondage e swinging ndr) per una persona di oggi’, ho pensato che fosse una grande idea. Oggi la sessualità è un argomento molto importante. La gente pensa ancora che sia un tabù e non ne vuole parlare”, ha spiegato la Paltrow durante un’intervista a Good Morning America. Poi ha aggiunto riferendosi al proprio figlio dodicenne, Moses: “Stiamo vivendo in un’epoca storica in cui chiunque sul web può accedere a qualsiasi tipo di contenuto. Io, avendo un figlio di 12 anni, vivo nella paura che Moses imparerà tutto sul sesso grazie soltanto ad internet. Oggi se si ha intenzione di scrivere un libro su sesso e sessualità devi essere in grado di comunicare a tutti”.

A dire il vero, il manuale Paltrow sul sesso ha suscitato diversi commenti ironici da parte di siti e riviste online. Nell’articolo pubblicato su Hollywood Reporter, ad esempio, viene sì lodata l’ampiezza dei temi toccati, dal bondage all’identità di genere, ma viene anche pubblicato uno spiritoso elenco di punti rilevanti da tenere a mente dopo aver letto The sex issue. Intanto ci sono due grandi classi chez Paltrow/Goop: l’importanza di una nutrita scorta di sex toys per le donne (il jade egg amatissimo dall’attrice stessa, ma anche anal plugs e glass dildos. Poi c’è la pratica dello “yoga of sex” (già ampiamente descritto in Future Sex da Emily Witt – Minimum Fax) con l’uomo che per almeno tredici minuti deve stimolare il clitoride della partner. Due le novità assolute. Intanto i consigli di una insegnante di “intimità spirituale” che suggerisce alle donne che vogliono arrivare al “divino potere femminile” di partecipare ad una “sacred snake cerimony”, ovvero una cerimonia in cui le partecipanti si fanno strusciare da veri e lunghi serpenti perché vengono ritenuti “depositari di immensa energia” che stimola le terminazione nervose rendendo le partecipanti pronte al sesso. Poi ci sono un po’ di “sbadigli”, secondo HR, provenienti dai consigli sui luoghi dove fare sesso: si va dal bagno di un ristorante durante un matrimonio, passando per la foresta, e arrivando ad un’inarrivabile “nave pirata dei figli”.