Quando si pensa agli stregoni viene in mente qualcosa da esorcizzare, di arcaico, di diabolico, qualcosa che non ha a che fare con il reale, ma con l’aldilà.

L’idea che dà il titolo al documentario di Anush Hamzehian presentato in anteprima al Trento Film Fest contraddice questo stereotipo immaginario. Stregoni è un progetto nato all’inizio del 2016 nel capoluogo trentino – ideato dai musicisti Gianluca Taraborelli e Marco Bernacchia  capace di coinvolgere ad oggi più di tremila migranti in tutta Europa. Può ricordare l’Orchestra di Piazza Vittorio per coinvolgimento dei migranti attraverso la musica, ma la finalità e l’articolazione è differente: partendo proprio dal loop (un frammento di un brano contenuto nel cellulare) i migranti cantano e rappano. Gli stregoni sono dunque loro, che con lo smartphone comunicano e archiviano una parte della loro esistenza, un po’ come ogni cittadino digitale. La differenza sta nella lotta all’isolamento del centro di accoglienza al quale si contrappone la voglia di “parlare” come un griot africano attraverso un palcoscenico o una piazza.

“Forse” come dichiara lo stesso Gianluca Taraborelli all’interno del film “l’integrazione è un’idea di noi occidentali, come quella della pace, ma cosa facciamo per conoscerli e farli uscire dall’isolamento?”. I rifugiati più delle volte sono costretti a scegliere di partire e lasciare il loro stato, per imbarcarsi in un viaggio senza meta precisa se non quella della sopravvivenza.

Pulito e diretto, la fotografia è di Alessandro Comodin (L’estate di Giacomo), il documentario raccoglie jam session e testimonianze di alcuni partecipanti al progetto, descrivendo il loro primo contatto e la preparazione al concerto al Muse di Trento nel Natale 2017. Il progetto non sembra però concludersi: l’intenzione è di creare un network autonomo di musicisti tra diverse città in giro per l’Europa, con luoghi d’incontro non i centri d’accoglienza ma club e locali e in più un documentario sul tour in Europa di prossima uscita.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ermanno Olmi, addio al grande regista: la sua carriera inesausta e sublime da L’Albero degli zoccoli a Il mestiere delle armi

prev
Articolo Successivo

Terzo Segreto di Satira al cinema, di cosa parla il film? Ogni partito ha la sua versione

next