Il braccio operativo chiedeva pezze d’appoggio retrodatate e Laura Bovoli provvedeva. E’ quanto emerge dalla corrispondenza tra la madre di Matteo Renzi e Mirko Provenzano raccolta dagli inquirenti cuneesi che, riferisce la Verità in edicola giovedì 3 maggio, hanno iscritto la genitrice dell’ex premier nel registro degli indagati con l’accusa di bancarotta fraudolenta documentale. Nel mirino i rapporti tra la Eventi 6, società della famiglia Renzi e la Direkta, di Provenzano che prima di fallire nel 2014 avrebbe operato come subappaltante di Rignano restituendo una percentuale al committente.

“In pratica Rignano pagava e Cuneo restituiva con giustificazioni considerate poco credibili dagli investigatori”, scrive il quotidiano di Maurizio Belpietro che parla di fatture per quasi 200mila euro emesse da Direkta nel biennio 2011-12. Secondo i documenti citati testualmente dal giornale la moglie di Tiziano Renzi, in veste di amministratrice della Eventi 6, già indagata a Firenze per false fatturazioni, era piuttosto solerte nel fornire alla società partner le carte richieste per far quadrare i conti.

Esemplare il caso di alcune note di credito per un totale di quasi 80mila euro emesse dalla società di Cuneo a storno parziale di fatture che “di fatto risultano, almeno in parte, rappresentare il rimborso dei costi sostenuti da Eventi 6 per il pagamento di interessi passivi (…), per spese legali o per errate fatturazioni, chiamato dalle parti cosiddetto rischio d’impresa”, scrivono gli inquirenti nelle carte citate dalla Verità. Dove si legge anche la mail di Provenzano che il 13 aprile 2013 chiede a Rignano “di avere delle richieste su carta intestata Eventi 6 di note di credito per penali e disservizi con data antecedente di un giorno o due alla data delle emissioni delle note”. E la Bovoli prepara e firma. Giustificando così della “documentazione da ritenersi falsa”.