Un accordo da 7,15 miliardi di dollari, pagati in contanti. È la maxi-intesa raggiunta da Nestlé e Starbucks per i diritti di vendita dei prodotti a base di caffè del gruppo di Seattle nei supermercati, nei ristoranti e nelle attività di catering.

In cambio del pagamento anticipato che nelle intenzioni dei due colossi dovrebbe creare un business di circa 2 miliardi di dollari all’anno, Nestlè utilizzerà il marchio Starbucks nei suoi sistemi a capsule Nespresso e Dolce Gusto dal 2019 e otterrà anche i diritti per vendere prodotti confezionati di caffè tra cui i marchi Seattlès Best Coffee, Starbucks Via e Torrefazione Italia.  Sono esclusi dall’accordo, invece, i prodotti pronti da bere e tutte le vendite di qualsiasi prodotto all’interno dei coffee shop Starbucks.

La transazione, hanno annunciato le due società, non include il trasferimento di alcun capitale fisso, il che facilita un’integrazione semplice ed efficiente. All’interno dell’accordo è previsto inoltre che circa 500 dipendenti Starbucks entrino a far parte della famiglia Nestlé per guidare le prestazioni del business esistente e l’espansione globale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Renzi, nuova inchiesta a carico della madre Laura Bovoli: “Indagata a Cuneo per bancarotta fraudolenta”

prev
Articolo Successivo

Fisco, Tesoro: “Nel primo trimestre entrate a +2,8%”. Le ritenute Irpef pagano 1 miliardo in più

next