I lettori digitali  aumentati del 12% secondo uno studio di Tiendeo  saranno felici di poter scaricare ebook gratuiti con Milano da leggere, l’iniziativa del sistema bibliotecario del capoluogo lombardo per far conoscere e diffondere la lettura digitale attraverso testi dedicati a Milano.

Inaugurata ad aprile e attiva fino al 30 giugno, la terza edizione di Milano da leggere – che ha come tema umorismo e ironia – propone una selezione di dieci ebook liberamente scaricabili che raccontano Milano con personaggi, storie, fissazioni e abitudini che ci faranno sorridere bonariamente, anche di noi stessi. L’edizione 2018 è realizzata con la collaborazione di Atm (in qualità di partner tecnico) degli editori Bompiani, Feltrinelli, Laurana, Mondadori, Rizzoli e con l’amichevole disponibilità degli autori e degli eredi dei diritti.

Nel 2016 i cittadini hanno effettuato 115 mila download – tramite smartphone, tablet o e-reader – dagli scaffali virtuali sparsi per la città. Quest’anno gli organizzatori sperano di superarli, anche grazie ad autori quali Enrico Bertolino, Gino & Michele, Marcello Marchesi, Walter Fontana e ad altri meno noti quali Giuseppe E. e Umberto Domina che racconta, con humour sottile, storie di meridionali emigrati nella Milano industriale degli anni ’60.

Scaricare gli ebook è facile: basta puntare il supporto digitale sui poster di Milano da leggere che si trovano nelle stazioni della metropolitana e sui mezzi pubblici, scegliere il libro e inquadrare il codice Qr corrispondente.

I lettori digitali crescono ma lo studio condotto nella Giornata mondiale del libro da tiendeo.it dal 12 al 16 aprile conferma anche i dati dell’Aie (Associazione italiane editori), ovvero che l’avvento degli ebook continua a non essere accolto bene tra i lettori italiani. La percentuale dei fruitori di libri elettronici è aumentata del 12% però, nonostante questo incremento, solo un lettore ogni dieci legge libri digitali abitualmente.

Anche se i libri cartacei costano in media il 64% in più degli ebook, gli italiani preferiscono leggere in maniera “tradizionale”. Il 47% dei partecipanti al sondaggio scelgono il cartaceo, il 21% contempla entrambe le opzioni come indifferenti e il 17% preferisci libri fisici, anche se non scarta l’opzione ebook. Perché prediligono il libro fisico? Il 52% perché lo può condividere con gli amici, mentre il 51% per motivi estetici e sentimentali e perché lo può toccare.

Lo studio rivela anche che i libri continuano ad essere acquistati per la maggior parte “fuori da internet”. Le librerie sono ancora il luogo preferito dal 60% dei consumatori, mentre il 32% li prende nei supermercati e solo il 14% nelle edicole. Per acquistare un libro, gli italiani si affidano alla propria esperienza; infatti, il 54% dei lettori confida in autori che ha già letto. Invece il 48% basa la propria decisione sulle opinioni di persone che conosce o nelle recensioni online di altri utenti.

Infine, il 27% dei partecipanti allo studio dichiara di leggere tra cinque e dieci libri all’anno, il 25% tra dieci e 20 ed un altro 25% più di 20.

Concludo con due notizie: la prima su Amazon e la seconda sul Salone internazionale del libro. Lo scorso 23 aprile è stata inaugurata la nuova biblioteca digitale ad Amatrice. L’ha donata la società di Jeff Bezos per celebrare la giornata mondiale del libro ed è parte del progetto Un ebook per Amatrice messo a punto con gli studenti dell’Università di Udine per sostenere la popolazione colpita dal sisma del 2016.

Dal 10 al 14 maggio al Lingotto di Torino si terrà il Salone internazionale del libro, tanti ospiti ed eventi in programma, purtroppo non si parlerà di digitale anche se ebook e multimedia sono tra le scelte possibili. Ho scandagliato molto bene il sito, provando diverse combinazione ma il risultato è sempre: “La ricerca non ha prodotto alcun risultato”. Peccato. Sarà per la prossima edizione.