La ricetta delle famosissime polpette, piatto nazionale svedese venduto da Ikea, è turca. La notizia è di quelle di un certo spessore e dopo anni di voci e speculazioni in governo svedese oggi lo ha finalmente ammesso. Una confessione attesa da tempo e che è stata accolta con soddisfazione da Ankara.”Il piatto è preparato sulla base di una ricetta che re Carlo XII importò dalla Turchia nel 18esimo secolo”, riporta il sito di informazione turco Trt citando un comunicato del governo di Stoccolma. Salito al trono a soli 15 anni, dopo aver perso una battaglia contro la Russia nel 1709 il re fu mandato in esilio nell’attuale Turchia, allora impero Ottomano. Tornò in Svezia nel 1714 portando con sè non solo la ricetta per le celebri polpette ma anche l’abitudine di bere il caffè.

L’ammissione del governo svedese ha suscitato grande entusiasmo a Inegol, ‘capitale delle polpette’ in Turchia, ma ha irritato il presidente dell’agenzia turca per la Cooperazione, Serdar Cam, che ha chiesto a Ikea di non spacciare più per svedese un piatto turco. Nei mega store di mobili in tutto il mondo si vendono 2 milioni di confezioni di polpette al giorno. Naturalmente la notizia ha scatenato la reazione ‘costernata di molti svedesi sui social media e c’è chi ha drammaticamente commentato: “Tutta la mia vita è stata una bugia”.

 

 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Auto diesel, a picco le vendite in Europa nel primo trimestre 2018. Sale la benzina

next
Articolo Successivo

Caso Weinstein, l’Academy degli Oscar espelle anche Bill Cosby e Roman Polanski

next