Finiscono le grandi storie d’amore, figuriamoci gli amori a portata di selfie e telecamere. La storia tra Giulia De Lellis e Andrea Damante è ufficialmente terminata con un annuncio social (e come altrimenti?) da parte dell’ex concorrente del Grande Fratello Vip. “Mi sembrava giusto dirvi che io e Andrea non siamo più fidanzati, ma non perché io debba giustificarmi o dare spiegazioni. Mi sembrava il minimo aggiornarvi di questa situazione, non è il caso di starvi ad elencare tutti i motivi perché non è il caso. I panni sporchi li abbiamo lavati in casa anche se qualcuno se n’era già accorto. Il mio punto di vista è che quando finisce una storia è colpa sempre di entrambi, non ci sono bisogno di schieramenti”, ha dichiarato la ragazza alle sue “bimbe” (le sue fan si fanno chiamare così, contente loro).

La coppia, che fino a poche settimane fa parlava di matrimonio e di figli, è dunque scoppiata. “Ci siamo lasciati qualche giorno fa per delle cose che non andavano più bene da un po’, per dei meccanismi che ormai non funzionavano. Vi chiedo soltanto di rispettare questo momento abbastanza di merda, di non spalare fango a gratis come se nulla fosse, di non inventare stronzate, perché non c’è motivo e soprattutto la cattiveria è una delle cose che non serve a niente, soprattutto in questi casi non aiuta”, ha scritto – sempre sui social – l’ex tronista, che ha conosciuto e scelto Giulia nello studio di Uomini e Donne nel 2015. Ma c’è già chi fa illazioni: c’è chi parla di un tradimento messo in scena dal bel veronese, e anche chi sostiene che sia tutta una mossa pubblicitaria per riaccendere quei riflettori che si stavano lentamente spegnendo. Sarà davvero tutto business?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elio: “Ho vissuto e vivo la condizione di genitore di un figlio autistico. Su questo tema siamo all’età della pietra”

prev
Articolo Successivo

Fabrizio Corona e Silvia Provvedi: “Lei è tornata a Modena”. E Belen scrive su Instagram: “Leggo cose assurde”

next