Dal 17 al 22 aprile torna uno degli eventi più attesi della vita mondana milanese: il Fuorisalone. Natura, ambiente e sostenibilità saranno i temi chiave della Milano Design Week 2018 e faranno da filo conduttore tra gli eventi in programma. Le istallazioni e le mostre di architetti e designer di tutto il mondo ci parleranno delle città del futuro, di come saranno le nostre case e di come cambieranno gli oggetti di uso quotidiano.

Sono in tutto 11 le zone principali che ospiteranno aziende, designer e progettisti intenti a presentare le loro creazioni: la Tortona Design Week, il nuovo Rainbow District, Zona Santambrogio, il Lambrate District, i due Ventura Future e Centrale, Porta Venezia in Design, il Bovisa Design District, MonteNapoleone Design Experience, 5vie Art + Design, Brera Design District e Isola Design District. Party, installazioni, mostre e iniziative gastronomiche…oltre mille eventi in 7 giorni animerano la città di Milano, trasformandola a tutti gli effetti nella capitale del design.

Ecco una guida agli eventi più attesi, tra installazioni urbane, distretti cool e novità di questo Fuorisalone 2018.

NOTTE BIANCA DEL DESIGN A BRERA. È l’evento più atteso di ogni Design Week ed è in programma per venerdì 20 aprile nel quartiere di Brera. Il tema di quest’anno sarà Be Human: progettare con empatia: moltissimi showroom resteranno aperti fino a tarda sera, proponendo iniziative speciali ed eventi. Un percorso tra le vie della zona più bohémien di Milano, dove le vetrine dei numerosi negozi di antiquariato, arte e design, assieme a quelle dei caratteristici locali, illumineranno le strade del quartiere fino a tarda notte.

Fuorisalone 2018, gli appuntamenti da non perdere [LA GUIDA]

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Anna Wintour si prepara a lasciare Vogue?

prev
Articolo Successivo

Cosa ci fa uno yacht davanti alla Triennale di Milano? L’installazione di design in attesa del Fuorisalone

next