Il Coni ha candidato l’Italia alle Olimpiadi invernali del 2026. Sia con Milano, che con Torino: almeno in questo momento iniziale ci sono tutte e due le città che nelle ultime settimane hanno fatto sapere di voler ospitare i Giochi. La scelta definitiva verrà fatta più avanti, e sarà presa dal Cio. Tutto, del resto, è rinviato a quando il Paese avrà un nuovo governo, senza il cui sostegno (formale, ma anche economico) non si può far nulla. In attesa poi di conoscere anche le eventuali avversarie, da cui dipendono buona parte delle chance italiane.

Si tratta del primo atto ufficiale (anzi, il secondo a voler essere precisi: il Coni aveva già mandato una missiva preliminare per conto di Milano a gennaio) del lungo percorso che potrebbe riportare le Olimpiadi in Italia 20 anni dopo Torino 2006. La lettera è la risposta a una scadenza formale posta dal Comitato internazionale (quella della manifestazione d’interesse entro il 31 marzo) ed è stata scritta da Giovanni Malagò nella maniera più prudente e politicamente furba possibile: c’è il nome di Milano, la prescelta nelle intenzioni del Coni, ma pure quello di Torino, dove i 5 stelle guidati da Chiara Appendino sembrano aver cambiata idea ed essere pronti ad ospitare i Giochi. Manca solo il Veneto, il terzo incomodo a questo punto più defilato, che d’altra parte ha già avuto i Mondiali di sci a Cortina. Ma il documento prevede pure la “possibilità, nell’ambito di un progetto unitario, di allargare anche ad altri territori”, così da non scontentare proprio nessuno.

È questo l’obiettivo principale di Malagò, almeno in una fase così caotica: incassato in misura diversa il favore praticamente di tutte le forze politiche (M5s compreso, vista la benedizione di Luigi Di Maio e Beppe Grillo per Torino 2026), il numero uno dello sport si è voluto tenere più margini di manovra possibili per quando dovrà sedersi al tavolo con il governo. Tagliare fuori da subito Torino, indicando la sola Milano, avrebbe potuto provocare la reazione stizzita dei 5 stelle: così invece le porte restano aperte per tutti. Il Pd governa a Milano (ed è da sempre in ottimi rapporti con Malagò), la Lega in Regione Lombardia (e magari avrà qualcosa pure in Veneto), a Torino c’è il Movimento e Forza Italia non avrebbe di sicuro nulla da ridire: ogni partito avrà il suo pezzettino di Olimpiadi. E il Coni spera così di aumentare le proprie chance di strappare il del prossimo esecutivo, qualsiasi esso sia.

Ciò non toglie che probabilmente prima o poi una scelta andrà fatta. Non è neppure detto, visto le tante deroghe al protocollo internazionale (la stessa candidatura dell’Italia lo è, visto che la sessione ospitata a Milano nel 2019 impedirebbe la nostra corsa all’assegnazione dei Giochi). Nella storia, però, non c’è mai stata una candidatura doppia e questo suggerisce che alla fine delle due ne resterà una sola: il Coni sottolinea che “sarà esclusivamente il Cio, nel rispetto delle sue competenze tecniche e della Carta Olimpica, a decidere quale Città invitare ad essere ufficialmente candidata per i Giochi”. Una maniera elegante per lavarsene le mani e scaricare altrove la responsabilità di una scelta che potrebbe far discutere. Malagò non ha cambiato idea: la candidata nella sua testa era e resta Milano, con Torino coinvolta nel progetto in maniera più o meno diretta (almeno un paio di discipline, forse di più). Ma grazie alla lettera inviata al Cio il progetto olimpico si potrà rimodellare a seconda di come più conviene. A Malagò in fondo va bene tutto, pur di avere finalmente i suoi Giochi.

Twitter: @lVendemiale