Riparte con la dedica di Roberto Giachetti al radicale Marco Pannella la XVIII legislatura, nel giorno delle prime votazioni per il presidente della Camera che dovrà succedere a Laura Boldrini (rieletta deputata con LeU). Con l’accordo saltato tra M5s e centrodestra, le prime votazioni si risolveranno nel nulla, tra schede nulle e bianche. In Aula, intanto, volti nuovi e più noti come l’ex ministra e sottosegretario Maria Elena Boschi e il candidato premier M5s Luigi Di Maio. Ma anche gli eletti e subito espulsi del M5S, come il presidente del Potenza Calcio Caiata e Andrea Cecconi (coinvolto nel caso rimborsi), seduto in piena solitudine tra i banchi più alti dell’emiciclo, lontano dagli ex colleghi pentastellati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Camere, standing ovation per Liliana Segre senatrice a vita. Solo Calderoli non partecipa all’applauso

next
Articolo Successivo

Senato, Salvini: “Come Lega abbiamo fatto 18 passi indietro. Con il buonsenso lunedì Parlamento operativo”

next