Riparte con la dedica di Roberto Giachetti al radicale Marco Pannella la XVIII legislatura, nel giorno delle prime votazioni per il presidente della Camera che dovrà succedere a Laura Boldrini (rieletta deputata con LeU). Con l’accordo saltato tra M5s e centrodestra, le prime votazioni si risolveranno nel nulla, tra schede nulle e bianche. In Aula, intanto, volti nuovi e più noti come l’ex ministra e sottosegretario Maria Elena Boschi e il candidato premier M5s Luigi Di Maio. Ma anche gli eletti e subito espulsi del M5S, come il presidente del Potenza Calcio Caiata e Andrea Cecconi (coinvolto nel caso rimborsi), seduto in piena solitudine tra i banchi più alti dell’emiciclo, lontano dagli ex colleghi pentastellati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Camere, standing ovation per Liliana Segre senatrice a vita. Solo Calderoli non partecipa all’applauso

next
Articolo Successivo

Senato, Salvini: “Come Lega abbiamo fatto 18 passi indietro. Con il buonsenso lunedì Parlamento operativo”

next