Ha dato un cucciolo di cane vivo in pasto a una tartaruga azzannatrice. E’ successo in Idaho, alla Preston School e a compiere questo gesto davanti agli studenti è stato un insegnante. Il rettile è stato poi soppresso e il Dipartimento dell’Agricoltura ha invitato chiunque sia “in possesso di una specie invasiva a segnalarla”.

L’azione dell’insegnante ha scatenato subito molte polemiche anche se alcuni genitori sono intervenuti in sua difesa: “Due dei tre bambini presenti sono miei. Nessuno di loro è arrabbiato o traumatizzato. Non hanno bisogno di supporto emotivo. Hanno visto le condizioni di salute del cucciolo: era malato, non mangiava e stava morendo. Tutti e tre i ragazzi presenti sanno che l’insegnante stava facendo la cosa giusta e umana. I bambini lavorano nelle fattorie, conoscono e capiscono il senso della vita e della morte”, ha scritto Farahlyn Hansen, una mamma, su Facebook.

Ma la Peta afferma che per il cane è stato un vero supplizio: “L’insegnante ha messo un cucciolo vivo in una vasca con una tartaruga azzannatrice che lo ha attaccato e quasi tagliato a metà, mentre l’animale urlava. Questo insegnante, noto per dare da mangiare ai rettili durante le lezioni, è un bullo che non dovrebbe avere il permesso di essere a contatto con giovani impressionabili. Ogni ragazzo che ha assistito a questo gesto crudele ha ora un disperato bisogno di lezioni di empatia verso altri esseri viventi”. Su questo gesto dell’insegnante, che è stato sospeso, è stata aperta un’inchiesta.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Andrea Preti, ex fidanzato di Claudia Gerini: “E’ finita, sto veramente male. Neanche il peggiore degli esseri umani si lascia così”

next
Articolo Successivo

Fabrizio Frizzi: “Non sono ancora guarito. Tra un mese saprò come stanno andando le cure”

next