E’ stato presentato a Milano, in occasione della Fiera Internazionale dell’Editoria, “Le carte segrete del Post” (Aliberti) tratto dal premio Pulizer “Personal History”. Presenti, l’ad de Il Fatto Quotidiano, Cinzia Monteverdi e i giornalisti Paolo Mieli, Marco Lillo e Andrea Scanzi. “Appena ho letto questo libro ho notato delle similitudini con il Fatto Quotidiano – ha commentato Cinzia Monteverdi – prima di tutto la libertà che questi giornalisti si sono presi, insieme alla responsabilità che ha dovuto affrontare la donna che era a capo dell’azienda. Mi rivedo molto in tante cose”. Il libro narra la vera storia di un grande giornale e di una grande donna: Katherine Graham, editrice del “Washington Post”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PADRINI FONDATORI

di Marco Lillo e Marco Travaglio 15€ Acquista
Articolo Precedente

Fai piano quando torni, il romanzo di Silvia Truzzi: “Un regalo inaspettato. Una storia che ho voluto restituire al mondo”

next
Articolo Successivo

Egizio, Uffizi e altri: ok gli eventi ma che non valgano più del museo stesso

next